Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Classi pollaio, gli annunci poco convincenti di Renzi

Classi pollaio
La credibilità si fonda sul nesso tra il dire e il fare.

Classi pollaio, questa campagna elettorale si sta caratterizzando per le promesse. Molte rimarranno sulla carta. Soprattutto se si adotta il metodo di ripetere senza poi attuarle, quando si poteva.

Classi pollaio, la dichiarazione di M. Renzi

Matteo Renzi ha dichiarato  a Rtl (13.02.18); “il suo Governo ha investito tanto nel settore, ha approvato una riforma importante, la Legge 107/15, ma ha raccolto pochissimo. Soprattutto in fatto di consensi. Perchè, ha detto, il 97% dei docenti ce l’ha con loro. Il segretario del Pd, però, vuole fare tesoro degli errori. Promettendo agli elettori che non li ripeterà e che i fondi investiti per la Conoscenza, se tornerà a governare l’Italia, non potranno che aumentare. In particolare per dire basta alle classi pollaio e diventare più concreti” ( tecnicadellalscuola.it).

I fatti presentano un’altra realtà

La promessa di porre rimedio, ad esempio, al problema delle classi-pollaio, è interessante. Chi mi segue sa qual è la mia posizione; sono un’aberrazione. Ma la promessa è poco credibile. Dipende dall’interlocutore.  Dalla sua coerenza tra il formale e il sostanziale. In altri termini, tra il dire e il fare.
Purtroppo Matteo Renzi mi deve ancora convincere del nesso tra il suo  annunciare e le sue azioni.
I fatti.
Ha avuto cinque anni per rimediare all’aberrazione pedagogoca, voluta dal suo Gelmini-Tremonti ( Governo Berlusconi, 2008-11) E non l’ha fatto! Anzi ha “partorito” qualcosa  di peggio: le classi superpollaio! Con la legge di stabilità 2015 art. 1 comma 333 ha imposto il divieto di nominare il supplente il primo giorno di assenza del titolare. Risultato: in alcuni giorni della settimana le classi si “gonfiano” fino ad arrivare a 32-33 e oltre.

Disuguaglianza tra i bambini, parole, parole!

Proseguo. Sul “Sole 24 Ore” del 23 aprile 2017 si legge: “Se il 30 aprile 2017 o dopo vincerò la sfida per la segreteria, la prima iniziativa sarà dedicata alla scuola: ho intenzione di ripartire da un tema dove il dente duole…Dobbiamo ripartire dal tema della disuguaglianza tra bambini: quando nascono i bambini in alcuni luoghi, c’è chi mi dice si può prevedere che fine fanno nove di loro su dieci. E questo non è accettabile”. Messaggio pervenuto! M. Renzi è divenuto segretario!  Degli atti, però,  non ho traccia! Non ho notizie di atti finalizzati a migliorare l’inclusione, vista anche  la conferma della presenza delle classi pollaio.

Ottimo suggerimento di P. Gomez

In questi giorni è uscito il libro di P. Gomez.: “Il vecchio che avanza” (Chiarelettere, Milano, 2018) Programmi, programmi, programmi. Lasciateli perdere. Intanto non saranno realizzati, soprattutto questa volta. Tutti fanno promesse. Non tenetene conto. Guardate invece alle persone, alla loro storia, a quello che hanno detto prima e fatto poi. E a qualche numero indispensabile. Solo così possiamo avere gli elementi…” per valutare i politici.