Classi pollaio, riprende il difficile cammino della loro abolizione

Classi pollaio

Classi si riprende a parlare della loro abolizione. Il problema però sono le risorse

Classi pollaio, riprende vita la battaglia per la loro abolizione. Il merito è della Nuova Ministra L. Azzolina. Sarà dura, durissima.

Classi pollaio, riprende la lotta per la loro abolizione

Classi pollaio, la loro abolizione sembrava consegnata agli archivi della storia come una battaglia persa. I silenzi di L. Azzolina e di L. Gallo (Presidente Commissione scuola Camera) trasmettevano la sensazione di una resa.
E invece… Lucia Azzolina in un’intervista al Fatto Quotidiano di ieri, rimette il tema al centro del dibattito sulla scuola.
Ha dichiarato “So per esperienza che è difficile lavorare in classi di 28-30 persone, ancora più se ci sono ragazzi con disabilita o bisogni educativi speciali. Ci sono norme molto belle che prevedono la personalizzazione dell’insegnamento in base all’alunno, ma insegnare in trenta modi diversi è difficile.
E’ chiaro che non è una misura immediatamente realizzabile, ma si può iniziare. Ho inserito nel Milleproroghe l’obbligo di non avere più di 20 studenti in una classe in cui ci siano disabili, spero il Parlamento condivida. Un primo passo verso la totale abolizione delel classi pollaio, per cui serve tempo

Ottima ripresa, il problema però…

L’intervista prosegue. Il Ministro ammette che ” l’ostacolo principale riguarda le risorse per realizzarla così come l’avevo pensata” Il riferimento è al suo disegno di legge presentato il 5 luglio 2018, discusso sei mesi dopo e bloccato dai veti di V. Aprea e A. Ascani. Servono (servivano):  “338.500.000 euro per l’anno 2019,  1.180.000.000 di euro per l’anno 2020,  1.715.100.000 euro per l’anno 2021 e  2.130.000.000 di euro a decorrere dall’anno 2022…( art. 1 comma 2)
Quali allora le prospettive di successo, seguendo la strategia di uno step per volta? Al momento purtroppo  dei 2 miliardi messi a disposizione per la scuola (Legge di Bilancio 2020) quasi il 90% (1.744 miliioni di €) servirà per rinnovare il contratto-scuola. Pertanto rimarranno   poche “briciole” per il miglioramento di tutto il servizio scolastico.
Quindi riesce difficile comprendere da dove prenderà i soldi La Ministra.
Magari l’On. Azzolina riuscisse nell’intento!
Resta il fatto che il tempo per dimagrire il sistema scolastico è breve, come fecero il duo Tremonti/Gelmini con le classi pollaio (e non solo), mentre l’operazione inversa risulta più difficile e comunque necessita di tempi lunghi. E questo è in sintesi il profilo del nostro Paese che non crede nell’istruzione.