Classi pollaio, dal “tutto e subito” a quello ” dei piccoli passi”

Classi pollaio

Classi pollaio, cambio di strategia. “Si cambia, ma con gradualità”

Classi pollaio, qualcosa si sta muovendo, grazie al cambio di strategia. Si riuscirà a demolire definitivamente il mostro pedagogico voluto dal duo Gelmini/Tremonti (2009)? A breve la risposta.

Classi pollaio, finalmente un timido segnale di cambiamento

Classi pollaio, mostro pedagogico voluto dalla coppia Gelmini/Tremonti subisce il primo colpo.  Si legge su Scuola24:” Il primo segnale di attenzione della maggioranza giallorossa alle classi pollaio è arrivato. In commissione alla Camera è stato approvato un emendamento al decreto milleproroghe che stanzia 6,3 milioni di euro nel 2020, 25,4 nel 2021 e 23,9 annui dal 2022 per dotare le scuole secondarie di secondo grado di nuovi insegnanti. Da destinare alle classi con più di 22 alunni.”

Cambio di strategia, sarà quella vincente

Il tema è sempre stato a cuore della Ministra L. Azzolina. Come docente ha vissuto e sperimentato la difficoltà di insegnare in questo ambiente diseducativo e a basso tasso di apprendimento significativo.
Il 5 luglio 2018 ha presentato una proposta di legge per l’abrogazione delle classi pollaio. Lei era la prima firma, dimostrando in questo modo tutta la sensibilità e la passione dell’insegnante.
La proposta era però molto onerosa. Esprimeva la strategia del tutto e subito (quasi),  e quindi esposta alle critiche di alcuni esponenti politici (Aprea, Ascani) che rilevavano l’impossibilità di attuarla. Immediatamente dopo la bocciatura sia l’On Gallo, sia L. Azzolina avevano deciso di adottare una diversa strategia sintetizzata in si cambia, ma a piccoli passi, dichiarando di voler modulare la proposta in rapporto alle critiche.
Ora l’emendamento conferma il cambio di approccio più graduale. Sarà la strategia vincente? La prima conferma la avremo a breve con  l’approvazione (speriamo) dell’emendamento proposto.