Classi pollaio, abbiamo la determinazione numerica e il costo

Classi pollaio

Classi pollaio, la loro abrogazione è un’operazione complessa. Occorre tener presente le poche risorse che ci sono.

Classi pollaio, confermata la la configurazione numerica.  Purtroppo il loro superamento, limitato alle prime classi delle superiori e in presenza del diversamente abile, costa tanto. In percentuale le risorse  risultano una manciata di spiccioli. E questo è un problema!

Classi pollaio, progressivo smantellamento

Classi pollaio, inizia lo smantellamento. Nel decreto milleproroghe è presente un emendamento. Si legge in Scuola24: “Il primo segnale di attenzione della maggioranza giallorossa alle classi pollaio è arrivato. In commissione alla Camera è stato approvato un emendamento al decreto milleproroghe che stanzia 6,3 milioni di euro nel 2020, 25,4 nel 2021 e 23,9 annui dal 2022 per dotare le scuole secondarie di secondo grado di nuovi insegnanti. Da destinare alle classi con più di 22 alunni”
Il numero ha una sua storia. Inizia con la  L.I.P. (Legge di Iniziativa Popolare) che anche nella sua ultima versione conferma il numero massimo di 22 alunni per classe (art. 8 comma 1), abbassato di due unità nelle aree di forte disagio socio-culturale (art. 11).  Il primo riferimento numerico è  riproposto nella Proposta di legge- Azzolina (5 luglio 2018) all’art. 2 comma 1 lettera b.

Andiamo oltre la notizia

Tutto bene, allora?
Come sempre occorre approfondire la notizia, evitando di cadere in facili entusiasmi. Siamo aiutati da un articolo del quotidiano del Sole24 che ” Secondo i calcoli di Tuttoscuola con i 50 milioni a partire dal 2022 si possono stanziare soltanto 815 classi. Un professore a inizio carriera ha infatti uno stipendio annuo lordo (13ma compresa) di 25.945,40 euro. Allo Stato, con gli oneri riflessi (31,30%), quello stipendio costa complessivamente 34.066,31 euro all’anno; con 50 milioni si possono retribuire, pertanto, 1.468 professori e, se si considera che mediamente ogni classe dispone di 1,8 docenti, con quella somma si possono finanziare 815 nuove classi. Su 56.985 classi con più di 22 alunni, funzionanti quest’anno negli istituti statali della secondaria di II grado, quelle 815 nuove classi rappresentano l’1,4%.” 

La conferma della blindatura della legge di Bilancio

Quindi nulla di nuovo sotto il sole!  Tenendo presente le risorse complessive richieste e contenute nella Proposta di legge-Azzolina (5.363.000 €) e il miliardo necessario ( Tuttoscuola) per abolire le classi pollaio limitatamente alle  prime classi delle secondarie di secondo grado, l’emendamento purtroppo stanzia pochi spiccioli.
Non poteva essere diversamente! La Ministra non può tirare fuori dal cilindro risorse che non ci sono. L’emendamento, ovviamente importante,  esprime però una serie di risparmi ricavati tra le diverse voci che compongono il budget del suo Ministero, blindato dalla Legge di Bilancio 2020 (L.160/2019). Questa rappresenta il dispositivo economico fondamentale  e importante, che ogni provvedimento proposto nell’esercizio finanziario corrente deve tener presente.
Il quadro che ci consegna la Legge di Bilancio è desolante e sconfortante. Purtroppo non ci sono e probabilmente anche nel prossimo futuro non saranno possibili cambiamenti radicali nella composizione numerica delle classi.