Classi pollaio, una buona notizia, ma…

Classi pollaio

Classi pollaio, una buona notizia! Agiamo subito, però. Dal presente, dipenderà il futuro.

Classi pollaio, una buona notizia! Nei prossimi anni assiteremo ad un calo significativo degli alunni/studenti. L’attesa di questa condizione significa però, rimanere dentro il dominio del finanzcapitalismo. Quindi…

Lo studio della Fondazione Agnelli

Nei prossimi anni assisteremo ad un calo significativo della popolazione scolastica. Lo dichiara la Fondazione Agnelli.  Si legge”  In Italia la popolazione in età scolare fra i 3 e i 18 anni (dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di II grado) è oggi di circa 9 milioni. Fra 10 anni, nel 2028, sarà scesa a 8 milioni. Nessun altro Paese europeo avrà un trend così declinante. Tra le cause il saldo migratorio con l’estero sceso dal 7,5 per mille del 2007 al 3 per mille del 2017…In 10 anni potrebbero sparire 55mila cattedre – Secondo le stime della Fondazione Agnelli, l’effetto potrebbe essere la perdita di oltre 55mila cattedre fra 10 anni, a partire dai gradi inferiori.”

Classi pollaio, una buona notizia, ma…

Quindi si stanno creando le condizioni per eliminare l’obbrobio organizzativo delle classi pollaio e la loro evoluzione declinata nella “trovata renziana” delle superpollaio. Attendere però il verificarsi di questa condizione, significa però confermare il primato dell’economia rispetto alla pedagogia, ragionare in termini di costi e benefici.
Per uscire da questa gabbia dorata del “finanzcapitalismo” che porta a passività, accettazione del reale, è necessario “forzare la storia”, riavviando il rapporto tra la teoria e la prassi. E questo significa non legare l’abolizione delle classi pollaio al calo della popolazione scolastica. L’inversione di tendenza deve essere presa senza “se e senza ma”. Per il bene dei nostri ragazzi! Quelli di oggi! Non per quelli che avremo fra dieci anni, molti dei quali   dipenderanno da quelli che frequentano oggi le scuole. Scriveva D. Milani “La scuola ha un problema solo. I ragazzi che perde”. Aggiungo oggi.

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio. Contrassegna il permalink.