Classi pollaio. A forza di di insistere…


Sul portale di OrizzonteScuola è apparso un nuovo articolo contro le classi pollaio ( Per migliorare la didattica ci vogliono classi da 15 alunni ). L’intervento riprende una lettera inviata da Mario Bocola.
Si legge: “Bisogna evitare le classi pollaio che sono un espediente antididattico e antieducativo e lavorare sulla diminuzione del numero degli alunni, anche in presenza del disabile. Per ottenere un proficuo lavoro e risultati ottimali le classi non devono essere formate da più di 15 alunni.”
Questa è la via! Occorre insistere e far capire che ogni riforma scolastica inizia dall’aula. E’ qui che si sviluppa la persona, si forniscono le conoscenze, le capacità e le competenze. E’ qui che le relazioni ( variamente positive o negative ) nascono e si consolidano. E’ qui che i nostri ragazzi trascorrono la parte più importante della loro giornata e della loro esistenza, condizionando in modo significativo la loro formazione umana, civile. E’ qui che la scuola trova  la sua ragion d’essere. L’istituzione scolastica non può essere separata da tutti gli aspetti sopra citati. Se la politica, come  è avvenuto con la legge 133/2009 ( Gelmini-Tremonti ) e  la legge di Stabilità  2015 ( Renzi ), mette in atto questo disegno, allora consegna all’utenza un’istituzione diversa da quella scolastica,  che accoglie alunni e studenti al fine solo di custodirli, in attesa di essere ripresi ( ovviamente mi riferisco soprattutto alla scuola primaria e secondaria di primo grado ).
Se la politica consegna le aule a logiche diverse da quelle pedagogiche e didattiche, contribuirà all’affermazione del processo di descolarizzazione e quindi al declassamento del diritto sociale alla formazione a possibilità individuale dipendente soprattutto dalla disponibilità economica.
E’ a questo che punta la politica? Basta dichiararlo.
Lo scenario immediato però, parafrasando Derek Bok rettore di Harvard, sarà sperimentare il costo maggiore dell’ignoranza  rispetto all’investimento sulla formazione! Forse solo allora capiremo che l’istruzione è un lusso che dobbiamo permetterci, subordinando ad essa qualunque altro ragionamento! Semplicemente perché intendiamo fermarci prima di concludere il percorso verso il Nulla, iniziato con la dichiarazione della “morte di Dio” ( F. Nietzsche ).

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio, Tutti gli articoli e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.