• Mar. Set 27th, 2022

Gianfranco Scialpi

Il mare non è mai stato amico dell'uomo, semmai complice della sua inquietudine (J. Conrad)

Classi pollaio a Roma, la trappola del “di norma”

Scuola ede elezioni

Classi pollaio a Roma. L’ultimo caso. Purtroppo l’Usr dà molto peso al “di norma”. Il significato non vincolante.

Classi pollaio a Roma

Classi pollaio a Roma. Purtroppo il fenomeno non è circoscritto alla Capitale e agli istituti tecnici (Gavosto, Bianchi). La iattura pedagogica è presente in ordine e grado di scuola.
Si legge su tecnicadellascuola.it un report di un insegnante: “Vorrei portare alla vostra attenzione le decisioni dell’ufficio scolastico territoriale a danno dell’utenza scolastica. In breve: a fronte di n. 128 iscrizioni pervenute per il prossimo anno scolastico alla nostra scuola media, l’ufficio scolastico ha assegnato l’organico per sole 5 classi prime, nonostante la Dirigente Scolastica abbia richiesto insistentemente un adeguamento, soprattutto in considerazione della presenza di 7 alunni con disabilità (e un ottavo in via di certificazione)”.La decisione dell’Ufficio Scolastico – continua la docente – comporta che il prossimo anno scolastico nel nostro istituto avremo classi di 26 alunni con fino a 2 alunni con disabilità, in barba ai diritti di tutti gli alunni e le alunne e contravvenendo in maniera palese e vergognosa ai diritti degli alunni disabili sanciti dall’art. 5 comma 2 del DPR 81/2009

Il problema è nel “di norma”

Purtroppo occorre ribadire che l’Usr del Lazio ha applicato correttamente la norma. L’ufficio territoriale non ha una funzione legislativa, bensì amministrativa. In altri termini agisce in relazione alla normativa. Nel nostro caso ogni volta che è trattato il numero degli alunni per classe (primaria. secondaria di primo grado e secondo grado) è presente il “di norma” che significa  “abitualmente, di regola, di solito, normalmente, solitamente” (Treccani). Da qui deriva la discrezionalità dell’Usr di decidere diversamente. Occorre registrare che quasi sempre l’orientamento è stato quello di applicare in modo restrittivo la norma, limitando le deroghe solo in casi eccezionali (superiori ai 30 alunni per classi), quasi sempre finiti sotto gli occhi dei riflettori mediatici.
Chi sostiene la tesi che tecnicamente le classi pollaio non esistono poteva fare molto per superare il nodo normativo, facendosi promotore (P. Bianchi) di un provvedimento legislativo abrogativo epurato dall’espressione “di norma”. Nulla è avvenuto perché per il Ministro il  problema non esisteva, cambiando però radicalmente la sua pozione, rispetto a quando presiedeva la Commissione nominata da L. Azzolina (giugno 2020)