Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Classi pollaio e riforma Gelmini, il banco di prova del M5S

 

classe pollaio e Riforma Gelmini
classe pollaio e Riforma Gelmini, espressione del finanzcapitalismo.

 

 

Classi pollaio e riforma Gelmini, rappresentano due esempi di svuotamento pedagogico dell’aula. Durante la campagna elettorale Il M5S aveva annunciato la loro abolizione. Ed ora?

A scuola si aggirano due entità estranee

Classi pollaio e riforma Gelmini rappresentano due esempi di “entrata a gamba tesa” del finanzcapitalismo nella scuola. Più precisamente nell’aula, divenuta semplice contenitore di alunni e studenti. Da quest’ambiente è stata cacciata via la pedagogia, che fa essere ogni soggetto pro-getto e non semplice riduzione ad ente ( M. Heidegger).
Da qui l’impegno del M5S  ad abolire le classi pollaio e la Riforma Gelmini.

Il programma M5S sulle classi pollaio…

Si legge  nel loro documento a partire dalle primissime pagine ( messaggio molto significativo): “È stato inoltre innalzato di circa un punto il dato relativo al rapporto alunni- docente in classe, aggravando sensibilmente il problema delle cosiddette “classi pollaio”. Attualmente, infatti, le classi possono arrivare a contenere fino a 30-35 alunni. In queste classi, sovraffollate e poco sicure, diventa impossibile per gli insegnanti garantire a tutti gli alunni l’attenzione che meritano e una didattica incentrata sui bisogni formativi e sulle inclinazioni di ognuno. Occorre quindi fissare il numero di alunni per classe ad un massimo di 22, numero che deve scendere a 20 in presenza di un allievo con disabilità, consentendo ai docenti di  lavorare in un contesto organizzativo e didattico completamente diverso da quello attuale e assicurando la giusta attenzione agli studenti con difficoltà.
Con classi meno numerose si può lavorare seriamente sul fronte dell’inclusione e contrastare efficacemente l’allarmante fenomeno della dispersione scolastica, che
coinvolge decine di migliaia di studenti italiani ogni anno.
Le cifre sono impressionanti: la dispersione scolastica arriva a costare all’Italia molti miliardi di euro ogni anno.
Gli studenti che abbandonano la scuola prima del compimento dell’obbligo scolastico pesano anche in termini sociali: spesso questi ragazzi finiscono per strada onelle mani della criminalità organizzata, che si sostituisce alla scuola nell’offrire loro una nuova “prospettiva” lavorativa.

E sulla Riforma Gelmini, non è più teneri

“Smantellare la riforma Gelmini significa anche ripristinare il tempo pieno e le compresenze nel primo ciclo d’istruzione: il Movimento 5 Stelle intende lavorare affinché la scuola primaria italiana torni ad essere un’eccellenza nel mondo. Le compresenze di docenti in classe e la programmazione in team andrebbero poi estese anche agli altri gradi scolastici, in modo da ampliare le opportunità formative e applicare modalità didattiche innovative, diverse dalla lezione frontale”

Ed ora cosa succede?

Finite le elezioni, ho l’impressione che si sia tornati al piattume di sempre. La scuola è scomparsa, si è eclissata. Il suo tramonto si era già notato nella trattativa con il Pd, di cui ho già scritto qualche giorno fa.
Ora, sarà ancora più difficile rimettere al centro del confronto Lega-M5S le due suddette questioni, in quanto decise dal governo Berlusconi. Difficilmente il presidente di FI accetterà la possibilità di una loro abolizione, senza rompere il fragile equilibrio sul quale sembra nascere il governo.  Se le questioni saranno abbandonate, convergendo solo sugli elementi che uniscono le due forze politiche, allora saremo di fronte ad una sostanziale continuità con il passato. E non sarebbe un bel segnale per la scuola!