Classi pollaio
22 Ottobre 2021

Classi pollaio, non si vede la luce in fondo al tunnel

By Gianfranco

 

Classi pollaio. Prosegue l’incertezza sulla loro fine. Manca un piano, una strategia. E questo preoccupa. Avanza l’ipotesi di attendere il decremento demografico. In questo caso la prospettiva diventa estremamente lunga (quindici anni).

Classi pollaio, l’intertetezza sul “Game over”

Classi pollaio, torna l’incertezza sulla loro fine. In alcuni momenti sembra una partita che volge verso un esito favorevole, in altri invece la luce in fondo al tunnel si allontana.
Il Ministro non aiuta. Sicuramente le sue dichiarazioni risentono del momento. Quindi si passa dal relegare il problema a elementi organizzativi che devono essere risolti dalle scuole, a considerare il fenomeno un extra rispetto alla normativa (problema tecnico).
Riportando a sintesi il tema è possibile ricondurre la mancata abrogazione a un problema di compatibilità economica. Il nodo che rappresenta un meccanismo perfetto per il perdurare della situazione, ha costretto L. Azzolina a rinunciare alla sua battaglia identitaria.
Al momento abbiamo solo delle dichiarazioni. Il Ministro Bianchi considera il superamento delle classi pollaio “una priorità assoluta”. Andando oltre le parole l’impegno del Ministro sembra rivolto maggiormente agli istituti tecnici. Quindi l’intervento risulterebbe selettivo e non di sistema.
Avanza l’ipotesi di legare l’abolizione della soluzione organizzativa voluta da M. Gelmini  e G. Tremonti al decremento della popolazione scolastica. Il motivo? Costa poco!
L’ho scritto  e probabilmente questa sarà la soluzione.

Un’articolo de “Il Corriere della Sera” conferma la soluzione più economica

A conferma di quest’ipotesi un articolo de “Il Corriere della Sera“(20.10.21). Non si può sperare nel PNRR, scrive il giornalista, in quanto il documento “non fa cenno a questa possibilità ma parla di un generico, quanto fumoso, «superamento dell’identità tra classe demografica e aula» nell’ottica di una «riduzione del numero degli alunni per classe» e di un diverso «dimensionamento della rete scolastica». Due formule che compaiono, tali e quali, anche nelle linee di indirizzo che il ministro ha pubblicato la settimana scorsa, senza ulteriori spiegazioni. Qualche chiarimento in più si può trovare nella versione in inglese del Pnrr mandata la primavera scorsa a Bruxelles: nel capitolo relativo alla riorganizzazione del sistema scolastico infatti per raggiungere l’obiettivo di ridurre il numero di alunni per classe il governo menziona come unica leva il calo demografico che nei prossimi 15 anni comporterà una riduzione della popolazione scolastica del 15%, pari a 1,1 milioni in meno. Uno spopolamento drammatico che nel Pnrr viene letto come un’«opportunità» proprio nell’ottica di risolvere il problema del sovraffollamento delle classi . Grazie al calo demografico infatti, per aumentare il rapporto docenti-alunni, non è più necessario investire sull’organico: basta mantenerlo inalterato, come effettivamente è già stato fatto negli ultimi tre anni”
L’unica ad essere soddisfatta di questa soluzione che posta in tempi indefiniti l’abolizione delle classi pollaio sarà sicuramente M. Gelmini. Gli insegnanti non aiutano, vista la tiepidezza dell’adesione alla mozione abrogativa, promossa dall’insegnante D’Auria.