Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Classi pollaio: una sentenza importante

No-alle-classi-pollaio
Chi mi segue, conosce la mia posizione sulle classi pollaio ( L 133/2008 ) e superpollaio ( Legge Stabilità 2015 ). Sono modalità organizzative anticostituzionali, in quanto ledono i diritti alla sicurezza e allo studio sanciti dalla nostra Carta fondamentale. Mi spiego: le classi superaffollate aumentano i pericoli di incidente  e in caso di evacuazione mettono in pericolo gli alunni. E’ indubbio che le classi-pollaio condizionano il diritto all’istruzione e la possibilità per la Repubblica di rimuovere ” gli ostacoli di ordine economico e sociale, che,limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’ organizzazione politica, economica e sociale del Paese”. Questo significa che ogni progetto d’inclusione è gravemente depotenziato. Questa “aberrazione organizzativa” è uno degli esempi della prevalenza dell’economico sul politico ( D. Fusaro ), dove i diritti sono negati  sull’altare del dio denaro dell’austerità.
Detto questo è di questi giorni la pubblicazione di una sentenza del T.A.R. della Toscana. In sintesi i giudici confermano l’incostituzionalità delle classi-pollaio  individuando in 20 alunni la composizione ottimale per conseguire il diritto allo studio e non solo.
La “Buona Scuola” ha confermato tutte le decisioni del duo Gelmini-Tremonti, limitandosi solo a prevedere compensazioni tra le classi.   Si veda relazione tecnica che accompagna la Legge 107/2015. In pratica gli alunni di “troppo” in una classe possono essere distribuiti in quelle meno numerose
Sentenza T.A.R. Toscana