Posted in: Classi pollaio

Superamento delle classi pollaio: sarebbe un bel segnale!

classi pollaio
La scuola ha ereditato da M. Stella Gelmini e da M. Renzi due aberrazioni pedagogiche: le classi pollaio e superpollaio. Si stanno creando le condizioni per il superamento delle prime.

Sempre meno alunni

Si legge sul sito di Repubblica.it: ” Le scuole statali italiane si svuotano: meno 100mila alunni in appena un triennio. Anche l’anno scolastico ormai alle porte è contrassegnato da un calo di bambini e ragazzi: 33mila in meno rispetto al 2016/2017… Partendo dalle previsioni Istat della popolazione residente in età scolare (3-18 anni), fra cinque anni il calo degli alunni potrebbe attestarsi sulle 361mila unità e fra 10 anni sulle 774mila unità”

Le premesse per l’abolizione

Il decremento crea la condizione per il superamento delle classi pollaio. Questa soluzione fu partorita dal duo Gelmini-Tremonti. Quest’ultimo mise anche una pietra sopra la L.148/90 che riformò la scuola elementare, dichiarando che quel tipo di scuola(=i moduli) era un lusso che non potevamo permetterci.
Se si procedesse rapidamente all’abolizione delle classi pollaio la pedagogia tornebbe ad abitare l’aula, divenendo nuovamente ambiente educativo di apprendimento. In altri termini: le classi tornerebbero ad essere dei luoghi di inclusione,  dove ogni alunno vedrebbe soddisfatto il suo “diritto all’istruzione”, supportato concretamente da quanto è scritto nella Costituzione: ” E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

Dichiarazione di Turi

A supporto di quanto ho scritto, Turi ( Segretario generale Uil-Scuola) ha dichiarato:”Il trend in flessione del numero degli alunni dovrebbe condurre – sottolinea Turi – alla soluzione di almeno un problema: riportare il numero di alunni per classe almeno ai livelli europei…Anche il rapporto alunni /docenti è più alto rispetto alla media europea”.
Chiedo:
il Ministro V. Fedeli avrà il coraggio di porre la questione al governo e al Parlamento? I danni formativi che stanno arrecando le classi pollaio li coglieremo fra qualche anno. Scriveva Derek Bok, Rettore Harvard University “Se pensate che l’istruzione sia costosa, provate con l’ignoranza”