Posted in: Opinioni, PNSD, Tutti gli articoli

Coding: una lettura critica

DeA_coding_logo

Il coding pratica finalizzata alla promozione del pensiero computazione, sta avendo una grande diffusione. Spesso l’adesione dei docenti alla promozione  di questo pensiero a individuare e a descrivere analiticamente un procedimento risolutivo, è consapevole, cioè si muove da solidi presupposti teorici. In altri casi, invece si tende a seguire una moda, implementandola nella prassi didattica aprospetticamente. In altri termini, si punta sull’aspetto procedurale, tralasciando o dimenticando la dimensione formativa che dovrebbe essere “il faro” del nostro essere insegnanti. Ora la la rapida diffusone di   questa pratica, è sospetta. Può essere percepita come un “delirio“.
E’ questo l’oggetto dell’intervento che “posto” di seguito con la consapevolezza che qualunque novità deve essere prima osservata da lontano, individuando le criticità da migliorare, o dalle quali  congedarsi  qualora fossero percepite incompatibili con nostro profilo di educatori. Questo lavoro propedeutico ci consente di essere “protagonisti attivi” di processi fino a qualche tempo fa impensabili, dando spessore e concretezza al nostro profilo professionale, introducendo nella prassi didattica idee e intuizioni adeguatamente personalizzate per la scuola.
Coding: delirio compuatzionale?