Compensi formatori. Altra conferma, ma…


Altra conferma a una situazione che rischia di far naufragare il Piano di formazione.
Sul portale di tecnicadellascuola.it è stato pubblicato un nuovo articolo sui compensi irrispettosi e indecenti,  proposti ai docenti-esperti all’interno del Piano di formazione e basati su un Decreto di ventidue anni fa ( 326/95 )
A marzo ho fatto presente con due articoli il problema ( Piano di formazioneANP rileva il mio stesso problema ) che potenzialmente potrà far naufragare l’intero Piano, dimostrando ancora una volta la difficoltà di gestione di iniziative da parte del Miur. La situazione non è imputabile al Ministero, bensì alla politica, che come ha scritto recentemente M. Revelli ( Populismo 2.0, Einaudi, Torino, 2017 ) ha rinunciato a guidare i processi economici, assumendo la funzione  gregaria del  finanzcapitalismo ( L. Gallino). Questa subalternità però anticipa la sua completa eclissi.  Secondo il filosofo parmemidiano E. Severino ( “Il tramonto della politica”, Rizzoli, Milano, 2017 ) questo avverrà perché la politica ha legato le sue sorti all’economia finanziaria, destinata anch’essa a soccombere di fronte alla tecnica.
Tornando, comunque all’oggetto di questo mio intervento, la subalternità della politica,  è certificata dal silenzio-risposta alle diverse richieste di aggiornamento dei compensi, i quali come dichiara il Direttore Giuliani ormai sono stati decisi dalla L.107/15,  a meno che il Parlamento non legiferi diversamente. Qui però entriamo nella fantapolitica!
Detto questo intendo porre nuovamente l’attenzione alla beffa  più irridente  che si nasconde nel Decreto. Questo non propone un compenso lordo certo, perché si legge che per i relatori è previsto un riconoscimento economico “fino a…“. Pertanto un esperto potrebbe ricevere ancora meno. nel Si fa riferimento a un Decreto di ventidue anni fa (326/95) che testualmente nasconde una trappola, che molti DSGA conoscono bene.
Come andrà a finire? Facile previsione! Il Miur chiuderà un occhio sulla qualità degli esperti che avranno accettato l’incarico. Scrive il direttore di “Tecnicadellascuola.it”  ” Con queste cifre, è difficile che si possano proporre alle scuole esperti di alto livello… come invece sarebbe logico All’Amministrazione interesserà solo aver rispettato le procedure formali. Oltre,  è chiedere la luna!

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.