Posted in: Ecdl, Esperienze, Tutti gli articoli

Competenza digitale? Parliamo invece di…

Banda-ultralarga-630x350
Il termine “digitale” è entrato nel lessico dei docenti-informatici. E’ un’espressione inflazionata, onnicomprensiva e quindi inglobante ogni attività o progetto informatico. Un esempio fra tutti: Il Piano Nazionale Scuola Digitale ( PNSD ).
Personalmente non mi piace! Richiama alla mia mente l’azione che si compie davanti alla tastiera, caratterizzata da procedure che grazie alla rappresentazione di un diagramma ad albero, si susseguono fino a conseguire l’obiettivo. Ora queste azioni non richiamano competenze, tanto è vero che l’espressione “nativo digitale” che definisce i nostri ragazzi è solo una condizione temporale, ma nulla a che fare con il “saper essere” della persona. E i fatti lo dimostrano. I nostri studenti, e non solo, possiedono limitate abilità informatiche funzionali alla   navigazione nei Social, quali Facebook, Instagram…
A questo aggiungo che non tutti conoscono la definizione di “competenza digitale”, rischiando quindi di proporre significati  e fuorvianti.  Il Consiglio e il Parlamento Europeo ne hanno dato  una chiara spiegazione. Nel documento, chiamato ” “Raccomandazione relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente si legge: la competenza digitale ( la quarta delle competenze chiave)  consiste ” nel saper utilizzare, con dimestichezza e spirito critico, le tecnologie della società dell’informazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Essa è supportata dalle abilità di base nelle TIC(Tecnologie di Informazione e di Comunicazione): l’uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet”.
Detto questo, preferisco espressioni più circoscritte  come ” competenza multimediale”,  ” testuale con supporto di schemi e mappe”. A queste si aggiungono quelle collaborative a distanza, utilizzando  programmi o soluzioni apposite, o relative al problem solving attraverso l’uso appropriato di programmi…
La necessità di chiarire l’ambito non è una questione semplicemente nominale, ma si basa sull’esigenza di “stringere concettualmente” l’area d’intervento, evitando la vaghezza o l’identificazione delle capacità procedurali con la “competenza digitale.
Di questo e di altro ho parlato nel mio intervento al Convegno La scuola di fronte alla sfida dei DSA”, organizzato dall’AID.