Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Compiti si, compiti no! Bah!

compiti-a-casa-regole-per-i-genitori-l-x09y34
Nell’articolo ( link ) che inserisco al termine di questa mia riflessione, viene proposto in modo articolato il problema dei compiti per le vacanze, fine settimana e dintorni.
Tra i tanti motivi che qualche pedagogista ( M.Parodi )  avanza per il No dei compiti c’é quello della violazione dei diritti umani! Provocazione? Esagerazione! Cosa dire? Non ho parole! Certo, ogni carico cognitivo eccessivo va tenuto fuori dalla nostra prassi educativo-didattica. Affermare, però,  che i compiti che vengono assegnati in estate o nel fine settimana, come un’opportunità per una messa a punto dei contenuti proposti in classe o durante l’anno, rappresentino un andare contro un diritto della persona al riposo, è proprio un bel salto logico!
L’articolo, mette sul banco degli imputati, gli insegnanti che fanno ” muro”, chiudendo ogni possibilità di dialogo.
Personalmente sono del parere che i compiti a casa, che diventano lezione, per chi lavora in modalità “classe capovolta ” siano necessari. Solo in questo modo, l’alunno e  lo studente di scuola secondaria di primo grado possono apprendere in modo significativo, grazie alle diverse “bussole metodologiche e strategiche” proposte dall’insegnante. Aggiungo che questo momento può diventare un’ “ottima palestra” per impegni più seri, quali quelli naturalmente presenti nei percorsi della scuola superiore o dell’Università.
Certo se questa posizione avversa ai compiti dovesse un giorno diventare norma diffusa, allora altri dubbi si aggiungerebbero sulla funzione formativa della scuola!
Articolo