Posted in: Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli

Con questi numeri, non aspettiamoci miracoli

Immagine
Di fronte a questi numeri, gli annunci, gli hastag ottimistici, gli slogan del premier rimangono dei bla-bla in molti casi irritanti, perché sanno di presa in giro.
Per noi della scuola, se ci limitiamo alle prime tre voci, il futuro è pessimo. Gufo? Pessimista? No realista. Mi baso sui fatti. Finché  l’economia non partirà, il debito è destinato ad aumentare, i disoccupati a crescere e la produzione industriale precipiterà a livelli preoccupanti. In altre parole,  se il nostro paese non produrrà reddito, soldi pubblici in cassa non ce ne saranno!!! Secondo alcuni studi per recuperare il benessere del 2007, ultimo anno prima della crisi mondiale, dovremmo aspettare il 2023. A una condizione: il PIL deve crescere del 3% da quest’anno!!!  Ma con questi numeri, la prospettiva è solo una bella favola!!!
Quindi per i prossimi anni attendiamoci un contesto senza contratto, scatti, e vacanza contrattuale.
Mi piacerebbe essere smentito non con gli slogan, ma con i dati economici. Quindi attendiamo…