Contagi a scuola
23 Novembre 2021

Contagi a scuola, ambienti scolastici a rischio (P. Sileri)

By Gianfranco

 

Contagi a scuola, dopo il diniego del Mi alla richiesta di Wired, abbiamo una dichiarazione autorevole. Gli ambienti scolastici sono a rischio (P. Sileri, sottosegretario al Ministero della Salute). Sarà interessante ascoltare la replica di P. Bianchi

Contagi a scuola, finalmente P. Sileri squarcia il velo sulla situazione reale

Contagi a scuola, P. Sileri (sottosegretario al Ministero della Salute) dichiara quanto è evidente in chi entra quotidianamente nelle aule. “Le scuole sono ambienti a rischio“. La dichiarazione del chirurgo prestato alla politica è supportata dai dati aggregati forniti dall’Iss. Il compito è ben assolto dal quotidiano economico “ItaliaOggi” (23.11.21).
Si legge: ” Tra il 1 settembre e fine ottobre del 2020 e del 2021, cioè l’avvio dei due anni scolastici si registra questo anno il +15,3% di contagi tra bambini e ragazzi di 0-19 anni, cioè in età scolare +7.022 casi. Ma anche più morti: +4 rispetto a zero decessi dello stesso periodo dello scorso anno“.
L’articolo entra nel dettaglio: comparando i dati tra i bambini frequentanti il nido, la scuola dell’infanzia e primaria, sempre avendo come riferimento i dati messi a disposizione dall’Iss.
La giornalista enuncia le cause di questo peggioramento, imputabile innanzitutto alla maggiore contagiosità della variante Delta. Segue la fragile soluzione delle finestre aperte e quindi il mancato investimento in sistemi di areazione e l’arrivo della stagione fredda.
Sarà interessante ascoltare o leggere una dichiarazione del Ministro Bianchi che ancora qualche giorno fa, concentrava l’attenzione sulla  vaccinazione degli insegnanti, facendo intendere che avendo raggiunto la quasi totalità della copertura vaccinale le scuole sono sicure. “Ricordiamo che la scuola è oggi in sicurezza: il 95% del personale ha fatto la prima dose di vaccino e il 92% ha la seconda e stiamo andando a grandi passi verso la terza“.
Sarebbe interessante che il Ministro spiegasse il motivo di questo peggioramento della situazione , nonostante l’ottima adesione dei docenti alla vaccinazione.