Contratto economico,le parole del Ministro! Non ho parole!

Contratto economico

Contratto economico. Il Ministro ” faccio fatti, non solo parole”
Chi li ha visti?


Contratto economico, pare, non poteva essere altrimenti, che il prossimo accordo non si discosti dalla “quota” di 85€. Probabilmente la cifra sarà inferiore per accontentare anche i precari.  Quanta distanza con gli annunci del Ministro!  

La dichiarazione del Ministro

“Basti pensare – prosegue la ministra – al rinnovo, dopo 9 anni, dei contratti delle e dei docenti: una conferma della nostra volontà di rimettere al centro il valore sociale, oltre che economico, di questa figura professionale, con la quale il Governo sta proseguendo sulla strada tracciata con l’accordo del 30 novembre 2016. L’apertura della contrattazione è partita per avere il rinnovo entro la fine dell’anno”

Non ho parole! Lascio la parola ( al vento) al Ministro

Che dire? Non ho parole! Non aggiungo nulla, confidando nell’intelligenza di chi leggerà questa dichiarazione.
Comunque lascio la parola al Ministro. Ad alcune dichiarazioni, che certificano il suo impegno. Segue una brevissima riflessione. 
La premessa
“Se si vuole dare rilancio agli investimenti per la scuola e per la formazione l’aggancio e’ l’investimento sulla qualita’ delle retribuzioni  dei docenti, una delle professionalita’ piu’ importanti del paese”  Pensiero di una ovvietà disarmante!
Lo sviluppo

“dico che mi spendo per i rinnovi contrattuali e lo sto facendo” ( leggi articolo) L’impegno del Ministro! Possiamo stare tranquilli!
“Considero l’accordo del 30 novembre importante, perche’ ha gia’ stabilito qual e’ la cifra media”
 Tutto qui l’impegno del Ministro?

Conclusione
( Leggi la dichiarazione di apertura di questa riflessione). Diamo un voto all’impegno del Ministro?