• Mar. Set 27th, 2022

Gianfranco Scialpi

Il mare non è mai stato amico dell'uomo, semmai complice della sua inquietudine (J. Conrad)

Contratto economico, le preoccupanti “briciole di pane”

Contratto economico

 

 

Contratto economico, la posizione attendista dei sindacati rischia grosso. Infatti “le briciole di pane” lasciate dalla crisi economica e dal Governo non fanno ben sperare.

Contratto economico, la posizione attendista dei sindacati

Contratto economico della scuola, la trattativa si è arenata. Sarà il prossimo Governo a doverla gestire, integrandola anche con la parte giuridica. Alcuni temi saranno dei copia/incolla, in quanto presi da altri provvedimenti come la  Legge 79/22 (ex Decreto 36/22) e il Decreto Aiuti bis.
La posizione attendista della maggior parte dei sindacati è divenuta debole per via della fine della legislatura. Nella migliore delle ipotesi si rischia di chiudere la trattativa non prima di febbraio-marzo 2023. Lo scenario peggiore è la decisione del prossimo Governo di destinare le risorse contrattuali al contenimento della spesa pubblica. Il precedente risale al Governo Berlusconi che nel 2010 operò il blocco dei contratti che si protrasse fino al 2018. Ipotesi non remota confermata da Draghi (“Autunno complicato”) e questa mattina dal quotidiano “Libero”. S. Iacometti scrive ” Un autunno da incubo, con i partiti in campagna elettorale all’assalto della finanziaria e la cassa completamente vuolta, mentre i primi freddi potrebbero far esplodere la crisi energetica

“Le briciole di pane” che non fanno sperare

Se questo sarà lo scenario era ragionevole chiudere la trattativa con i pochi, brutti e sporchi soldi previsti dalle leggi di Bilancio 2019-21.
Ci sono diverse “briciole di pane” che i sindacati non riescono o vogliono vedere. La prima l’ho presentata e richiama la crisi enonomica ed energetica del prossimo autunno. La seconda è il decisionismo del Governo dimissionario che inserisce in provvedimenti economici (Legge 79/22 e decreto Aiuti bis) parti che stravolgono il profilo docente. Il metodo non è concertativo, ma impositivo. In altri termini, il Governo decide senza ascoltare i sindacati. Con queste premesse, sarà molto difficile che il sindacato sia ascoltato al momento della stesura parziale della Legge di Bilancio. L’appoccio sarà probabilmente replicato con il nuovo Governo (a trazione destra) dove saranno presenti anche Lega e FI, quindi 2/3 del centro-destra.
Questi sono i fatti che permettono di rimanere lucidi e freddi di fronte alle sirene dei pochi cenni elettorali sulla scuola, dove l’annuncio degli aumenti per gli insegnanti è quello maggiormente ricorrente.