Contratto governo Lega-M5s, un compromesso per la scuola

 

Contratto governo Lega-M5s

Contratto governo Lega-M5s, Luci e ombre. Non poteva essere diversamente, trattando di due forze politiche non omogenee

Contratto governo Lega-M5s, finalmente abbiamo il documento finale! Un compromesso tra i due programmi. Qualcosa è confermato, qualcos’altro è scomparso.

Contratto governo Lega-M5s

Nel contratto si  legge ( in grassetto le parti importanti):
La scuola italiana ha vissuto in questi anni momenti di grave difficoltà. Dopo le politiche dei tagli lineari e del risparmio, l’istruzione deve tornare al centro del nostro sistema Paese. La buona qualità dell’insegnamento, fin dai primi anni, rappresenta una condizione indispensabile per la corretta formazione dei nostri ragazzi. La nostra scuola dovrà essere in grado di fornire gli strumenti adeguati per affrontare il futuro con fiducia. Per far ciò occorre ripartire innanzitutto dai nostri docenti. In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento. Particolare attenzione dovrà essere posta alla questione dei diplomati magistrali e, in generale, al problema del precariato nella scuola dell’infanzia e nella primaria.
Una delle componenti essenziali per il corretto funzionamento del sistema di istruzione è rappresentata dal personale scolastico. L’eccessiva precarizzazione e la continua frustrazione delle aspettative dei nostri insegnanti rappresentano punti fondamentali da affrontare per un reale rilancio della nostra scuola. Sarà necessario assicurare, pertanto, anche attraverso una fase transitoria, una revisione del sistema di reclutamento dei docenti, per garantire da un lato il superamento delle criticità che in questi anni hanno condotto ad un cronico precariato e dall’altro un efficace sistema di formazione. Saranno introdotti nuovi strumenti che tengano conto del legame dei docenti con il loro territorio, affrontando all’origine il problema dei trasferimenti (ormai a livelli record), che non consentono un’adeguata continuità didattica.
Un altro dei fallimenti della c.d. “Buona Scuola” è stato determinato dalla possibilità della “chiamata diretta” dei docenti da parte del dirigente scolastico. Intendiamo superare questo strumento tanto inutile quanto dannoso.
Una scuola che funzioni realmente ha bisogno di strumenti efficaci che assicurino e garantiscano l’inclusione per tutti gli alunni, con maggiore attenzione a coloro che presentano disabilità più o meno gravi, ai quali va garantito lo stesso insegnante per l’intero ciclo. Una scuola inclusiva è, inoltre, una scuola in grado di limitare la dispersione scolastica che in alcune regioni raggiunge percentuali non più accettabili. A tutti gli studenti deve essere consentito l’accesso agli studi, nel rispetto del
principio di uguaglianza di tutti i cittadini.
La cultura rappresenta un mondo in continua evoluzione. È necessario che anche i nostri studenti rimangano sempre al passo con le evoluzioni culturali e scientifiche, per una formazione che rappresenti uno strumento essenziale ad affrontare con fiducia il domani. Per consentire tutto ciò garantiremo ai nostri docenti una formazione continua.
Intendiamo garantire la presenza all’interno delle nostre scuole di docenti preparati ai processi educativi e formativi specifici, assicurando loro la possibilità di implementare adeguate competenze nella gestione degli alunni con disabilità e difficoltà di apprendimento.
La c.d. “Buona Scuola” ha ampliato in maniera considerevole le ore obbligatorie di alternanza scuola-lavoro. Tuttavia, quello che avrebbe dovuto rappresentare un efficace strumento di formazione dello studente si è presto trasformato in un sistema inefficace, con studenti impegnati in attività che nulla hanno a che fare con l’apprendimento.
Uno strumento così delicato che non preveda alcun controllo né sulla qualità delle attività svolte né sull’attitudine che queste hanno con il ciclo di studi dello studente, non può che considerarsi dannoso.

Considerazioni 

Innanzi tutto, partiamo dalla buona notizia! E’ stata confermata l’intenzione di intervenire sulle classi pollaio. L’Impegno risulta, però, generico, in quanto è stato cancellata la parte presente nel programma del M5s: “Occorre quindi fissare il numero di alunni per classe ad un massimo di 22, numero che deve scendere a 20 in presenza di un allievo con disabilità, consentendo ai docenti di lavorare in un contesto organizzativo e didattico completamente diverso da quello attuale e assicurando la giusta attenzione agli studenti con difficoltà.
Interessante la proposta di assegnare per l’intero ciclo lo stesso docente allo studente diversamente abile.
Lascia perplessi, invece, la cancellazione dell’impegno a smantellare la riforma Gelmini, punto qualificante del programma elettorale del M5s.   Si legge, infatti,  nel suddetto documento:  ” Smantellare la riforma Gelmini significa anche ripristinare il tempo pieno e le compresenze nel primo ciclo d’istruzione: il Movimento 5 Stelle intende lavorare affinché la scuola primaria italiana torni ad essere un’eccellenza nel mondo.“.
Confermata l’intenzione di interrompere i trasferimenti dei docenti da una parte all’altra del Paese (Lega, M5s),  cancellare l’alternanza scuola/lavoro, divenuta scuola/sfruttamento,  e la chiamata diretta ( Lega- M5s).
Scomparsa, invece, la proposta leghista  del ciclo unico riguardante la scuola primaria e secondaria di primo grado.
Ovviamente altri sono i punti in comune oppure in disaccordo. Seguiranno altri articoli.

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.