Posted in: Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli

Contratto. Quanta voglia di chiudere, ma…


Ha dichiarato  Lena Gissi ( Cisl-scuola) che è pericolosa , “una campagna elettorale tutta sulla scuola senza portare a casa i risultati. Noi dobbiamo arrivare al rinnovo contrattuale, altrimenti tutte le problematiche relative alla qualità della didattica verranno messe ancora una volta in discussione… i tempi sono fondamentali perchè non ci possiamo permettere l’influenza demagogica della disputa politica che ancora una volta invade il campo in un momento delicato che stiamo vivendo. Bisogna ridare merito al mondo della scuola, per troppe volte oggetto di diatribe partitiche”
A queste dichiarazioni ha risposto il Ministro Fedeli, soffermandosi sull’importanza con le parti sociali” “Non solo perchè – ha aggiunto – sono passati tanti anni e non si può aspettare oltre, ma perche’ il rinnovo dei contratti deve assolutamente accompagnarsi al lavoro che stiamo facendo sui contenuti e sulla qualità per il rilancio della funzione di chi opera dentro la scuola, non solo dei docenti, dei dirigenti e del personale Ata…Il riconoscimento sociale, culturale ed economico di chi sta nel mondo della scuola è necessario al Paese. Chi non riconosce questo non sa che è da qui che riparte anche la possibilità di crescita effettiva e vera del Paese”
Belle parole, ottimo esercizio retorico, che  nascondono una realtà ben diversa! Sfido chiunque ad affermare che 85€ di aumento lordo a regime possano contribuire al riconoscimento sociale  della funzione  docente e  arginare populismi o contenere discorsi demagogici.  Per favore,  Ministro e sindacati abbiate la compiacenza di tacere, di non continuare per questa strada di presa in giro dei docenti. Sono finiti i tempi in cui era sufficiente affermare qualcosa con elementi sociologici o pedagogici per convincere i docenti della bontà delle intenzioni. Siamo arrabbiati, anche perché dopo otto anni di blocco contrattuale e due dalla sentenza della Massima Corte ( 24 giugno 2015 ) che sanciva l’incostituzionalità della proroga del blocco contrattuale, ci concedete le briciole, dimenticando gli ultimi sei mesi del 2015 – quelli che hanno seguito il pronunciamento della Corte.
A qualcun verrà l’idea di aggiungere i 500€ della “carta docente” – 38 € lordi al mese – spacciandoli per aumenti. Anticipo la risposta: questa nuova quota stipendiale è solo un trasferimento, una partita di giro, non  nuove risorse.
Sicuramente il contratto sarà firmato! Rischia, però di diventare un boomerang per l’Amministrazione e i il sindacato.
Sicuramente, però gli insegnanti si sentiranno ancora più soli: un’Amministrazione lontana e un sindacato incapace di difendere gli interessi dei propri associati. E questa condizione di solitudine rientra nella tattica del Ministero, che intende rapportarsi con soggetti – insegnanti- indifesi, depotenziati contrattualmente, “monadizzati” in modo da proporre la propria sceneggiatura senza troppi ostacoli. Con quali propsettive? E soprattutto con quale idea di scuola?