Posted in: Contratto scuola, Tutti gli articoli

Contratto, dopo “il tutto gratis” aspettiamoci…

Contratto scuola
Lavorare gratis. Non è il peggio! Un giorno l’Amministrare potrà chiedere…

Contratto scuola, finora solo brutte notizie! l’ultimo espresione del verbo liberista: “lavorare sempre di più, a stipendio invariato”. Il peggio, però ancora non è arrivato! A qualcuno potrebbe venire in mente Fantozzi…

Il contratto elemosina del tutto gratis

Il contratto scuola, meglio la vertenza sta assumendo per i sindacati i caratteri di una missione impossibile. L’obiettivo della firma, sembra più lontano. La responsabilità è dell’Aran e quindi del governo che di definisce di centro-sinistra. Dopo aver fissato “l’elemosina contrattuale” a 85€ medi lordi nel triennio, ha avviato la fase due di piena attuazione di aumento esponenziale dei carichi di lavoro. Tutto all’insegna del “lavorare sempre più gratis”.
Due esempi:
1) attività di formazione gratuite per l’inserimento nelle ore funzionali;
2) aumento indefinito dell’orario di servizio, dovuto allo straordinario obbligatorio .

Il modello liberista del contratto scuola

Se questi due aspetti faranno parte del possibile contratto allora assisteremo a nuova vittoria del modello liberista, caratterizzato dalla gratuità del lavoro. L’espressione nasconde una realtà molto dura: sfruttamento, accanimento sistematico verso la “giusta retribuzione” ( art. 36 Costitutzione). Situazione addolcita sistematicamente  dalla retorica buonista del ringraziamento,  dell’apprezzamento del lavoro degli insegnanti e della loro centralità, Peccato che questi riconoscimenti non siano accettati come moneta di scambio!
Assisteremo, invece,  alla  “Rivolta delle elite” (C. Lasch) che gradualmente si riprendono il “terreno” concesso all’eta dei diritti ( N. Bobbio), restaurando un contesto di soli doveri e nuovi compiti

“Il peggio però non è mai morto”

Il peggio però non è questo. Un giorno non lontano,  l’Amministrazione potrà chiedere di essere pagata per la possibilità che dà ai docenti di lavorare. In altre parole, faremo la fine di Fantozzi, anzi peggio: almeno lui, all’inizio era inconsapevole che la moglie pagava il suo lavoro (cfr. “Fantozzi va in pensione”). Poveri noi!