Contratto scuola, un esempio di dichiarazione sindacale che ignora…

Contratto scuola

Il sindacato rimane convinto della sua strategia, evitando di chiedere il cambio delle regole.

Contratto scuola, non passa giorno che i sindacati non dichiarino qualcosa. Sugli aumenti contrattuali resta la dimenticanza del D.Lvo 29/93. L’ultimo esempio è la dichiarazione del segretario Snals -Confsal.

Contratto scuola, la dichiarazione del segretario SNALS

Contratto scuola, aumenta la frequenza delle dichiarazioni dei sindacati. Prevedibile che il ritmo aumenti, fino a raggiungere il massimo in prossimità e subito dopo la sottoscrizione.
Ha dichiarato Elvira Serafini, segretario generale di Snals-Confsal” Abbiamo un Def che ha confermato una situazione negativa nel pubblico impiego. Si segnala il rinnovo contrattuale fino al 2021 ma con incrementi irrisori. Ricordo che l’emergenza salariale è ciò che ha spinto noi e gli altri sindacati a proclamare lo sciopero. Non servono altre parole, ma troppe ne sono state dette in merito agli stipendi europei E bastano queste poche righe contenute nel Def per rafforzare il nostro obiettivo e convincere la categoria, ormai svilita da anni di disattenzione dei governi di turno, che questo è il momento di far sentire la protesta da parte dell’intero comparto…Chiediamo che siano portati ai livelli dell’Eurozona. Sappiamo bene che al momento è impossibile, ma parliamone. Chiediamo una disponibilità a trattare per vedere se in proiezione di un futuro migliore si possa trovare un varco tra il sindacato e il governo. 

La conferma di una strategia che ignora…

La dichiarazione conferma l’assenza del D.Lvo 29/93, causa degli incrementi irrisori. Non comprendo questa strategia, in partenza perdente perché, come ho scritto qualche giorno fa, si ignora il contesto normativo che regola gli aumenti contrattuali pubblici, che non possono essere superiori al tasso di inflazione programmato.
In uno stato di diritto le leggi dettano i criteri, i comportamenti e le relazioni  impedendo ogni decisione contra legem. Il sindacato riesce benissimo nell’impegno di screditarsi. Da solo!
Illusorio pensare che il quadro possa cambiare nei prossimi anni. Serafini parla di “una disponibilità a trattare per vedere se in proiezione di un futuro migliore…”. A parole tutto è possibile, ma poi occorre che le regole favoriscano il raggiungimento dell’obiettivo. Diversamente si resta sul ” bla, bla” inconcludente, arricchito dalle spallucce del Ministro

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli. Contrassegna il permalink.