Posted in: Contratto scuola

Contratto-scuola, le risorse dimenticate

Contratto-scuola
Chiediamo indietro la restituzione dei soldi promessi da Tremonti e Gelmini!


Contratto-scuola, povero, poco dignitoso e irricevibile. Molti affermano che non si poteva fare di più. Eppure, era sufficiente restituire alla scuola risorse promesse e poi “dimenticate”.

Le proposte della scuola accomunate da…

Probabilmente la vertenza contrattuale si chiuderà con la firma che autorizzerà l’assegnazione di 85€ lordi medi e nel triennio. Il termine assegnazione, mi sembra il più corrispondente alla realtà. Non è un aumento, un adeguamento. L’ho spiegato in un precedente articolo !
Il governo e il Parlamento sono rimasti sordi alle richieste che sono arrivate dalla scuola. Ancora una volta la scuola è rimasta non ascoltata .
Le proposte erano accomunate dalla richiesta di risorse nuove. Giustamente! Purtroppo questa strategia è risultata perdente. Forse era già scritto, ma almeno “la scuola” ci ha provato. 

Le risorse dimenticate della riforma Gelmini

Le diverse richieste hanno però dimenticato di rivendicare la restituzione di 2 miliardi e 400 milioni di €. Costituiva il 30% del prelievo forzato compiuto dal duo Gelmini-Tremonti (2008). Quasi dieci anni fa il governo Berlusconi  promosse uno degli attacchi più duri contro la scuola. La suddetta coppia di Ministri impoverì la scuola di 8 miliardi di €, promettendo una parziale restituzione sotto forma di merito. Ovviamente queste risorse non  ritornarono mai alla scuola.
Se pensiamo che le risorse complessive destinate al “contratto povero” del pubblico impiego ammontano a 2,85 miliardi di € , allora non è difficile immaginare che la scuola avrebbe beneficiato di risorse equivalenti. E sicuramente questo avrebbe portato ad un “aumento” significativo del  potere d’acquisto degli insegnanti.
Per rendere nuovamente disponibili queste risorse è sufficiente che il governo presenti un provvedimento di riconversione delle risorse promesse nel 2012.

Non tutto è perduto!

E’ troppo tardi? Non credo!
E’ sufficiente che i sindacati si astengano dalla firma del  “contratto povero”, rimandando tutto alla prossima legislatura. L’augurio è che questa sia diversa dall’attuale, che si è dimostrata poco attenta alle richieste della scuola. In questo nuovo contesto – questo è l’augurio- potrà essere proposta una legge che restiuisca un nostro diritto: i 2,400 miliardi €, che costituiscono un “piccolo tesoretto” per un contratto dignitoso e rispettoso del lavoro di tanti docenti.