15 Settembre 2021

Contratto scuola, occorre superare il D.Lvo 29/93 per aumenti significativi

By Gianfranco

 

Contratto scuola, “ItaliaOggi” anticipa l’aumento. I sindacati invece, iniziano il gioco di chi fa l’annuncio più sensazionale. Prima di chiedere l’aumento devono spingere per il superamento del D.Lvo 29/93.

Contratto scuola, aumenti medi di 40-50 €

Contratto scuola. E’ iniziata la partita per il rinnovo della parte economica. Occorre non sperare in cifre significative. La conferma è data da “ItaliaOggi” (14 settembre 2021). Si legge: ” L’articolo 1, comma 436, della legge 145/2018, infatti prevede per tutto il pubblico impiego uno stanziamento di 1.100 milioni di € per il 2019, 1750 milioni di euro per l’anno 2020 e 3.375 milioni di euro annui a decorrere dal 2021. A ciò si aggiunge un ulteriore stanziamento di 400 milioni di euro previsto nella legge di bilancio di quest’anno…. Considerato che i dipendenti pubblici, secondo la rilevazione Istat del 2018 (le più recenti disponibili) sono 3.342.816, i fondi consentono incrementi retributivi medi di 1.129 euro l’anno a testa. L’importo, però è al lordo delel trattenute fiscali e previdenziali… A conti fatti, 40-50 euro in più a testa

Occorre superare il D.lvo 29/93

Ho riportato le parti più significative dell’articolo, perchè è necessario conoscere il campo e il perimetro legislativo che i sindacati dovranno calpestare per il rinnovo. Il contesto è governato dal D.Lvo 29/93 che i sindacati opportunamente dimenticano.Ho scritto per “Scuolainforma  La gabbia del D.Lvo 29/93 che vincola  gli aumenti contrattuali al tasso di inflazione non reale, ma programmata è intenzionalmente ignorata dai sindacalisti e dai politici in genere. Lascia perplessi la componente sindacale, che ad ogni tornata contrattuale parla di riconoscimento sociale ed economico dei docenti, di adeguamento degli stipendi a quelli europei, dimenticando intenzionalmente che gli obiettivi sono in partenza impossibili, in presenza del suddetto decreto.”
Quindi non ha senso la richiesta avanzata da un sindacato di 300€ di aumento se prima non si superano i vincoli del suddetto provvedimento. Sicuramente ne arriveranno altre fuori luogo.
E’ la medesima strategia per la ripartenza dell’anno scolastico: conferma del personale Covid (2020-21) e superamento delle classi pollaio. Gli obiettivi possono essere conseguiti, solo con provvedimenti legislativi che comportano tempi lunghi, quindi oltre questi mesi di avvio.