Posted in: Contratto scuola, Tutti gli articoli

Contratto – Scuola : ” Se il brutto giorno si vede dal mattino…”

GIANNINI

Il ministro Giannini ha confermato l’arrivo dei 500 €   nelle tasche di ogni docente per attività di formazione e aggiornamento, l’acquisto di software… Invece, la titolare del Miur si è dimostrata molto cauta o tiepida di fronte al rinnovo del C.C.N.L, cavandosela con “ … per questo c’è il ministro Madia”.
Ora quello che ha subito messo in agitazione me e molti altri docenti ,   soprattutto i più assidui frequentatori degli ambienti virtuali è il tono della risposta, trasmettendo la sensazione che la questione contrattuale non sia un problema , non rientri tra le sue urgenze. O meglio sia un accessorio, un particolare di secondaria importanza. E’ indubbio che in questo momento la sua priorità è l’attuazione della Legge di Riforma della scuola ( L. 107/15 ) Del resto dall’alto del suo stipendio di parlamentare ( benefit inclusi e ) e di ministro non potrà mai capire, cosa significa avere il Contratto congelato da sei anni, gli scatti d’anzianità incerti,.. E questo mi preoccupa!!! Per inciso, ricordo un’intervista del Ministro che dichiarava la necessità che gli insegnanti avessero in busta-paga almeno 2.000€ mensili. Ovviamente non ho dato molto credito a questa sua “desiderata”. L’ho subito etichettata come una delle tante uscite per “arruffianarsi” gli insegnanti. Nulla più! E i fatti mi hanno dato ragione!Ingenuamente qualche collega mi ricorderà che a giugno la Corte Suprema ha sanzionato l’incostituzionalità del prolungato blocco contrattuale , ma ( aggiungo ) solo per il passato. Quindi di cosa ti preoccupi? Il governo è obbligato da questa sentenza a rinnovare i contratti. Se fossimo in un contesto di rispetto dei diritti, la risposta degli ipotetici interlocutori avrebbe un fondamento certo e non basato solo sulla fiducia. Non vorrei, infatti, che il governo contrabbandasse i 500 € come una tantum contrattuale e quindi non aprire le trattative. L’ ha già fatto, anche se in un altro contesto e storia. Chi ricorda la sentenza della Suprema Corte sulla mancata rivalutazione delle pensioni ( marzo 2015 )? Secondo questo pronunciamento il governo era obbligato a restituire le somme dovute perché la non indicizzazione degli emolumenti pensionistici, prolungata nel tempo, è elemento oggettivo di mancata valorizzazione dei medesimi . Bene, il governo sostanzialmente ha ignorato la sentenza restituendo ad agosto solo una parte delle somme dovute ( una tantum ). Quindi “se il buon giorno – in questo caso si dovrebbe scrivere “il brutto giorno “ – si vede dal mattino”… Staremo a vedere!!! Quello che mi preoccupa è l’arroganza di questo governo e la nostra sostanziale debolezza come categoria.