Contratto scuola
26 Novembre 2021

Contratto scuola, Sinopoli e la sua dichiarazione poco attenta

By Gianfranco

Contratto scuola, Sinopoli (Flc-Cgil) dichiara che il D.Lvo 29/93 è stato superato. Evita di spiegare la scarsezza degli investimenti. La prova certa che la normativa vigente è caratterizzata dalla moderazione salariale.

Contratto scuola, l’ovvia dichiarazione di F. Sinopoli (Flc-Cgil)

Contratto scuola. F. Sinopoli, dice la sua sulla prospettiva “povera”. Ovviamente nega ogni riferimento al Decreto 29/93. “Le regole che richiamavano il tasso di inflazione programmata poste alla base per il rinnovo dei contratti nel settore pubblico sono venute meno da molti anni. Solo l’indennità di vacanza contrattuale viene calcolata sulla base di quel parametro. Ciò vuol dire che i riferimenti al tasso di inflazione programmata non sono più attuali. Le risorse vengono stanziate sulla base di una decisione puramente politica. Semmai bisogna sottolineare che a differenza dei settori privati, il pubblico impiego è rimasto 10 anni senza rinnovo. Possiamo poi aggiungere che della politica economica fondata sulla deflazione salariale l’Italia sta pagando le spese drammaticamente. Ora serve andare nella direzione opposta, aumentare i salari restituendo dignità al lavoro e rafforzando la domanda interna.”

F. Sinopoli non spiega il trend ormai trentennale

La dichiarazione ha il merito di chiarire il pensiero del sindacato. Sono persuasi che le risorse stanziate per i contratti non dipendano dal D.Lvo 29/93, bensì da decisioni politiche. Purtroppo la dichiarazione senza volerlo, conferma l’attualità del D. Lvo 29/93. Infatti l’inflazione programmata non deriva da un ragionamento economico, bensì da una decisione politica che poi diventa finanziaria con lo stanziamento delle risorse corrispondenti.
Occorre ricordare a F. Sinopoli che il D.lvo 29/93 continua a determinare il profilo giuridico dei docenti che rimanda alla privatizzazione del rapporto di lavoro, alla presenza dei gradoni settennali  e al trattenimento della scuola nel pubblico impiego.
Concludo, ammesso e non concesso che sia vero che il suddetto decreto non condiziona più le risorse contrattuali, perché il sindacato non si impegna per una legislazione che porti gli stipendi degli insegnati a livelli europei? Sarebbe più facile poi chiedere aumenti, attualmente impensabili?