Contratto. Un “era ora” fuori luogo!


Oggi dovrebbero aprirsi gli incontri per la definizione  del contratto economico e giuridico.
In realtà il primo non riserverà sorprese, in quanto gli importi sono stati già definiti dalle leggi di stabilità 2016 e 17. Si aspetta solo l’approvazione di quella relativa all’e.f. 2018 per arrivare -si spera-  agli ” almeno 85€ medi lordi”. Le sorprese arriveranno  dal versante giuridico. E sicuramente non saranno positive per i docenti. Dalle voci di corridoio, infatti, pare il governo voglia stringere le maglie sui permessi e altro ancora…
Eppure, considerato questo sfondo, cosa leggo? ” Contratto della scuola: dopo otto anni il 27 giugno si riapre il tavolo. Era ora(Portale di Euroedizioni).
Nel titolo mi disturba tanto “Era ora“. Solitamente l’espressione denota soddisfazione per un traguardo positivo raggiunto e foriero di miglioramenti, che anche impegnandomi non avverto. Mi chiedo: chi ha scritto il trafiletto? ( non può essere considerato un articolo, un pensiero di due righe) Probabilmente un Dirigente Scolastico che ,purtroppo per lui,  è poco informato sul Nuovo testo Unico (in G.U. il 7 giugno ). Lo scrivente e P. Almirante, abbiamo  ricostruito l’articolo 1 del T.U. , confermato in G.U., arrivando alla stessa conclusione: la legge prevale ancora sul contratto! Non ci sono stati dei ripensamenti da parte del governo, nonostante l’impegno preso il 30 novembre 2016. Eppure cosa leggo? ” “molto importanti saranno le modifiche normative, dove attraverso gli spazi di contrattazione, lasciati aperti dalla recente riforma del pubblico impiego, si cercherà di superare il contenzioso che si è aperto in questi anni  dopo la riforma brunetta del 2009.”
Sull’aspetto economico poi tocchiamo il fondo. Si legge: ” Dopo otto anni di attesa, forse sarà la volta buonaSi parte dall’accordo sindacale del 30 novembre 2016 che prevede un aumento medio per i lavoratori non inferiore a 85 euro.”
Cosa dire? Mi sento preso in giro da chi ha scritto il trafiletto. E’ davvero convinto che gli 85€ lordi in tre anni cambieranno la vita degli insegnanti? “Ma mi faccia il piacere!” Avanzo due richieste : all’autore del trafiletto, eviti di scrivere queste cose ( sono educato!); ai sindacati, non firmate il contratto, il più irrispettoso dal 1990. Rischiate il discredito completo!
Concludo: sul sito della CGIL-scuola, e della Cisl-scuola non c’é traccia del T.U “Madia”, pubblicato in G.U. il 7 giugno. Al lettore le conclusioni!

Questa voce è stata pubblicata in Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.