Posted in: Opinioni, Pedagogia, Tutti gli articoli

Contro il colonialismo della lingua inglese

Provo sempre un certo fastidio quando sento discorsi infarciti di termini inglesi. Questo inserimento è spesso finalizzato a rendere poco chiari i contorni di un’idea, di un progetto. La loro accettazione  è il risultato di un certo servilismo, misto con ammirazione  che noi nutriamo verso tutto ciò che  è estraneo alla nostra tradizione culturale, Del resto, se si escludono i  periodi della Roma Repubblicana e Imperiale, dei comuni  e il Rinascimento, la nostra storia si presenta  come un susseguirsi di domini che hanno in qualche modo introiettato un atteggiamento di subalternità, di obbedienza verso lo straniero e la sua cultura.
Qualche volta l’uso di anglicismi è inconsapevole, nascondendo una disarmante ignoranza. Recentemente ho chiesto a un relatore di un convegno il significato di slide. La risposta è stata “Non lo so”.
A completamento del mio discorso inserisco questo intervento del filosofo Diego Fusaro che delinea anche un altro scenario.