Coronavirus, gli effetti devastanti sui bambini

Coronavirus e bambini

Corinavirus sta provocando disorientamento (e non solo) sui bambini, Le soluzioni

Coronavirus, il microrganismo sta provocando molti danni. Alcuni sono visibili, altri meno. Tra questi ultimi sicuramente possiamo individuare la sofferenza dei bambini, costretti a trascorrere giornate innaturali. Le soluzioni

Coronavirus, i danni visibili e quelli meno appariscenti

Coronavirus, è salito al potere! In quest’ultimo periodo si parla solo di questo microrganismo, che sta provocando diversi danni. Alcuni di questi sono visibili a tutti: i decessi, i contagiati, le chiusure altalenanti delle Borse mondiali, la contrazione significativa dei Pil nazionali e globale… Altri danni sono meno visibili. Mi riferisco ai danni che sta producendo sulla psiche  dei bambini, le componenti meno attrezzate a gestire interiormente  la complessità dell’emergenza Coronavirus.
Lo scenario è il risultato di un pregresso, che rimanda all’atteggiamento dei genitori teso a separare i bambini dalla crudezza della vita, come  la morte o la malattia di un  parente. Si preferisce lasciarli in una bolla irreale che prima o poi la vita bucherà. La situazione attuale rappresenta, infatti l’entrata a gamba tesa della vita nelle esistenze dei bambini, costretti a precipitare sulla Terra.
Nel momento attuale questo si traduce in un isolamento forzato, dove le relazioni sono ridotte al lumicino, il contatto fisico con i coetanei e i maestri è un bel ricordo. E questo comporta delle  conseguenze sul piano psicologico che conduce a comportamenti che si situano tra il riso e la riflessione.

La lettera della bambina alla Polizia

In questo senso va letta una simpatica lettera inviata da una bimba di sei anni alla Polizia. Si legge :”Ciao mi chiamo Mia ho 6 anni, abito a Torino. L’ultima volta che sono uscita perché sono andata a scuola, vado agli scout, era febbraio. Voi poliziotti e carabinieri arrestate il Coronavirus, vorrei ritornare a giocare con i miei amici. Grazie per quello che fate”

Restare accanto ai bambini: è un dovere degli adulti

Gli effetti del Coronavirus sulla psiche dei bambini li potremo valutare dopo la fine dell’emergenza. Dipenderà da quanto tempo durerà l’emergenza, dall’eventuale esperienza indiretta del Coronavirus ( decessi o contagi di parenti)…
La drammatica situazione sta favorendo la ripresa educativa del figlio da parte dei genitori. E questo è sicuramente un risvolto positivo, perché gli adulti hanno la possibilità di mettere in atto l’approccio resiliente alla realtà che riesce a trasformare in positività una situazione oggettivamente molto pesante. Ne saranno capaci?
Ovviamente anche la scuola deev fare la sua parte. Lo strumento è la didattica a distanza che può favorire una relazione adeguatamente “calda”, somigliante un pò a quella reale, utilizzando una comunicazione diretta con il bambino, resa dinamica dall’utilizzo di emoticon, iperbole  e dagli incontri audio-video.