Posted in: Coronavirus

Coronavirus, chiuse le scuole fino al 3 aprile. Una decisione prevedibile

Coronavirus
Coronavirus, la conferma di un ulteriore chiusura anticipata dalla nota dell’8 marzo

Coronavirus, poco fa il Presidente Conte ha comunicato una decisione quasi cinese.
Non si può fare altro. Per la scuola era già nell’aria l’ulteriore sospensione.

Coronavirus, ulteriore chiusura delle scuole. Tutto già prevedibile

Coronavirus, il Presidente Conte ha deciso poco fa di estendere la zona rossa a tutta l’Italia. Una decisione vicina ( non troppo però) a quella cinese.
Ecco cosa ha dichiarato:”I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante delle persone in terapia intensiva e purtroppo delle persone decedute. Le nostre abitudini vanno cambiate ora: dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo a queste norme più stringenti…Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l’espressione “io resto a casa… Portiamo la sospensione delle attività didattiche sino al 3 aprile su tutta la penisola isole comprese” 

Una decisione che non sorprende

Fino a poco fa mi sono astenuto dal fare previsioni. Non sono incline a mettere in giro fake news. La decisione del Premier Conte che riguarda le scuole era nell’aria e discretamente anticipate dalla nota di ieri.
Ecco i passaggi significativi: “Nelle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione sono sospese tutte le riunioni degli organi collegiali in presenza fino al 3 aprile 2020…. Si confermano le disposizioni impartite dalla Nota 06 marzo 2020, n. 278. Il protrarsi della situazione comporta la necessità di attivare la didattica a distanza, al fine di tutelare il diritto
costituzionalmente garantito all’istruzione.”
Era impossibile pensare a un sistema scolastico non omogeneo o comunque configurato diversamente al suo interno. In altri termini, era surreale la situazione di aule vuote e nello tempo di ambienti  occupati dai maestri e professori per riunioni, collegi docenti…
Inoltre, la forte accelerazione sulla didattica a distanza poteva spiegarsi solo con la decisione già presa dal governo di prorogare la chiusura delle scuole,  quindi di rendere questa pratica necessaria.
Quindil   tutto previsto. Era sufficiente leggere tra le righe.
Rimane il dramma di un Paese impaurito, smarrito che ha perso la bussola. Occorrerà poi avviare una opera di ricostruzione psicologica, sociale…