Posted in: Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli

Costituzione: quanta distanza!

Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.
La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.
Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.

Innanzitutto da notare in questo articolo della Costituzione l’alto grado di leggibilità del periodo. Se confrontato con i provvedimenti attuali, dove la comprensione diventa un’impresa titanica, si capisce la grandezza della nostra Carta costituzionale. Compresi i suoi estensori.
Detto questo, il contesto attuale è distante da questo scenario costituzionale. I dipendenti statali, compresi gli insegnanti, hanno un contratto bloccato da sette anni e una proposta indecente e irricevibile di 10€ a dipendente, che diventeranno 30€ in caso dovesse essere firmato un contratto economico a base ristretta ( i titolari di assegno mensile inferiore a 1.400 € ).
Da una parte abbiamo una Carta rispettosa del lavoratore, dall’altra abbiamo un governo che nei fatti dimostra il contrario.