Covid-19, c’è chi propone di tornare a scuola normalmente

Covid-19

Covid-19, nonostante i tantissimi morti e contagiati c’è chi propone un ritorno normale a scuola.

Covid-19 siamo nella Fase 3. La memoria inizia a dimenticare. Un esempio che chiede di rientrare a scuola come a febbraio a marzo prima dello scoppio dell’epidemia. Occorre riflettere prima di avanzare proposte…

Covid-19 siamo entrati nella Fase tre e la memoria…

Covid-19 ancora non è finita. Nel mondo ci sono intere Nazioni in chiusura (lockdown) e con migliaia  di morti e contagiati. Penso al Brasile, agli Stati Uniti.
Da noi, invece la vita sta riprendendo. Lentamente e con molta difficoltà: molti hanno perso il lavoro, altri sono in cassa integrazione. Il debito pubblico è al 160% e il Pil è sotto dell’11%.
In questo contesto drammatico che ha contato 34.026 vittime e 242.173 contagiati (10 luglio 2020) e che ad oggi il virus ancora è tra noi, ci sono  persone che invece si oppongono ai divieti.  E’ il caso dell’organizzazione denominata “La scuola che accoglie
In sintesi, partendo dal dato oggettivo di un contesto ormai consegnato alla paura e “ossessionata dalla sicurezza” e dalla conseguente rincorsa al rischio zero (obiettivo impossibile) essi propongono di rientrare a scuola tutti  in presenza, ma “senza distanziamento e senza dispositivi di protezione”.
Interessante, ma a mio parere fuori luogo, il ragionamento sul  superamento del distanziamento, in quanto deprime la socialità fatta anche di espressioni facciali e soprattutto di prossimità fisica.
A supporto dei queste tesi, si portano documenti e anche articoli di quotidiani.
Che dire? Purtroppo i bambini e i ragazzi possono essere portatori sani e contagiare gli adulti (insegnanti, genitori, nonni…) e quindi sono convinto che quando è in gioco la prudenza è un giusto approccio. Preferisco qualche attenzione in più, piuttosto che ritrovarmi dentro una bara.