Covid-19, nuovi contagi giovani. Fanno pensare per settembre

Covid-19

Coronavirus, il Miur molto attivo in questo momento, detta le linee della didattica a distanza.

Covid-10, nuovi contagi a Roma. Questa volta tra giovanissimi, Nubi nere per il rientro a settembre a scuola.

Covid-19 nuovi giovani contagi  a Roma

Covid-19, molti pensano che il virus sia ormai alle corde. Si illudono che la fase acuta sia ormai alle nostre spalle,
E invece, la cronaca ci ricorda che il virus è ancora tra noi, pronto a far saltare la convinzione che i bambini piccoli e i ragazzi ne siano immuni. Si legge sul Corriere della sera (edizione romana); “Una febbre alta e improvvisa, due sere fa, per il bambino di 5 anni, appena rientrato dal suo primo (e unico) giorno al centro estivo. Uno strano e indecifrabile malessere per la sorella più grande, 14 anni. I genitori capiscono che c’è qualcosa di strano, sentono il pediatra, poi salgono in macchina e portano i figli al pronto soccorso dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù.
I medici intuiscono subito, li indirizzano verso l’accesso riservato protetto e sottopongono i fratellini al tampone. Prescrivono l’antipiretico al bisogno, dal momento che le condizioni generali sono buone, e li dimettono a condizione che rispettino l’isolamento fiduciario domiciliare, almeno fino al responso del tampone. Che arriva all’alba: entrambi sono positivi al coronavirus.
Inizia così la storia di questo ennesimo cluster familiare emerso alle porte di Roma. E che ha portato alla chiusura di un centro estivo, il New professional dance, e di un ristorante, il club Le palme, entrambi sulla via Casilina, fuori dal raccordo anulare, nella zona di Montecompatri. Le attività sono state chiuse dalla Asl per 14 giorni e dovranno effettuare la sanificazione dei locali.

Un centro estivo e un ristorante chiusi

Insieme a loro altre 30 persone (15 ragazzi e 15 mamme). Fortunatamente il tavolo era all’aperto, il che fa sperare che anche senza la protezione delle mascherine la possibilità di circolazione del virus sia ridotta. Tutti i trenta partecipanti (tra cui potrebbe esserci anche il caso indice che ha contagiato la ragazza, per conoscere invece il risultato del test della mamma bisognerà attendere questa mattina) e anche tutto il personale del ristorante (un’altra decina di persone) sono stati richiamati per essere sottoposti al tampone.
Diverso il discorso per il centro estivo che il bimbo di 5 anni ha frequentato solo l’1 luglio, giorno in cui ha manifestato i sintomi. Impossibile che il contagio sia avvenuto al New professional dance: non ci sono i tempi tecnici per l’incubazione. Ma è possibile che possa aver contagiato qualcuno degli altri 50 bambini iscritti. Tanto più che a quell’età non è facile che i piccoli tengano la mascherina o lavino le mani con cura. Ma anche in questo caso il fatto che le attività si svolgessero all’aperto potrebbe aver limitato i contagi.”

Nuvole nere per settembre

I sanitari ci diranno cosa sia successo nel centro estivo e nel ristorante. Soprattutto chiariranno se occorre iniziare a preoccuparci, considerato che hanno sempre affermato che il Coronavirus ignorava i bambini e i ragazzi.
Comunque sorgono alcuni interrogativi  per la riapertura settembrina delle scuole. Cosa avverrà quando l’aula (luogo chiuso) riprenderà la sua centralità, in quanto si andrà incontro ai mesi più freddi? Si riuscirà a far rispettare soprattutto ai più piccoli il distanziamento fisico? Cosa succederà al primo caso di contagio in una scuola? Come reagiranno i genitori nei confronti degli insegnanti che probabilmente saranno accusati di poca attenzione?
Questi e altri interrogativi sorgeranno durante l’anno scolastico 2020-21 che non potrà essere vissuto serenamente dai genitori e dagli insegnanti. A questi ultimi sarà lasciata la gestione e la responsabilità della quotidianità, favorendo l’insorgere di stress che limiterà molto la proposizione delle attività didattiche.