Covid e bambini
14 Settembre 2021

Covid e bambini, le preoccupanti notizie dall’estero

By Gianfranco

 

Covid e bambini, il rapporto non è chiaro. L’unica soluzione è osservare la situazione in alcuni paesi europei (e non solo) che stanno sperimentando scenari che potremmo vivere tra qualche settimana. Il governo ha scelto un approccio che tende a minimizzare il problema. Tutti ci auguriamo che abbia scelto bene. L’alternativa non esiste, se non tornare in Dad.

Covid e bambini, un rapporto rassicurante, ma non troppo

Covid e bambini. In questi due anni abbiamo compreso molto del virus. Le conoscenze acquisite stanno consentendo di tornare a vivere, convivendo però  con il virus. Abbiamo imparato a considerare la mascherina un prolungamento del nostro corpo, il distanziamento il nuovo paradigna di una socialità che sta facendo a meno del calore della prossimità. Abbiamo medicalizzato i nostri comportamenti, traslando abitudini prima confinati alla prossimità di sale operatorie o studi medici. Ovviamente mi riferisco al lavaggio frequente delle mani, alla sanificazione degli ambienti e degli arredi…
Abbiamo compreso c che il Covid colpisce i più fragili. Purtroppo le sue prede  cambiano, grazie alle sue mutazioni, costringendoci a rincorrerlo.
Ora abbiamo i vaccini, che però al momento non coinvolgono in modo significativo gli under 12. Le ricerche ci confortano. Sembra che il virus indiano, che ha sostiuito quello inglese eviti i bambini. Risultano prede dotati di difese naturali adeguate a tener fuori dai loro polmoni il Covid indiano.
Per quanto ancora? Difficile ipotizzare possibili scenari. A differenza del terremoto, la pandemia è un processo dinamico con le entrate in ospedale, nelle terapie intensive e i decessi che salgono e scendono.
Sicuramente iniziano a preoccupare alcune informazioni che provengono dall’estero.

Preoccupano le notizie dall’estero

Aspettiamo di ricevere almeno per alcuni vaccini dei dati nel corso dell’autunno, così da capire, a partire dalla fascia 5-12 anni, se il rapporto positivo benefici-rischi resta  valido» anche nei bimbi più piccoli. È quanto ha spiegato Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici per Covid-19 dell’Agenzia europea del farmaco.” Avverte A. Villani, direttore del reparto di pediatria del “Bambino Gesù” di Roma: ” Pur nel rassicurare i genitori rispetto alle conseguenze del SARS-CoV-2 nei bambini, va ricordato che i virus si perfezionano per diventare più cattivi e dobbiamo esser preparati. Tanto più che la situazione delle terapie intensive pediatriche in Italia, oggi, non è calibrata per un impatto importante che si è visto ad esempio negli Usa o in altri Paesi”  (Il Sole 24 Ore, 10 settembre 2021).
Cosa sta avvenendo all’estero, lo racconta “ilfattoquotidiano.it” (12 settembre 2021). ” Nel Land più popoloso della Germania, il Nord Reno-Vestfalia, già 30mila studenti sono finiti in quarantena e tra gli adolescenti l’incidenza dei contagi è triplicata rispetto alla media della popolazione. In Scozia la scorsa settimana è stato superato per tre volte il picco assoluto di nuovi casi registrati in un giorno. Un piccolo comune svizzero a 30 chilometri da Zurigo ha 607 alunni in quarantena fino al 16 settembre. Negli Stati Uniti la cifra degli istituti chiusi aumenta giorno dopo giorno: per migliaia di studenti significa ritorno alla didattica a distanza. Nei Paesi dove la scuola è già ripartita in presenza, il Covid ha ricominciato inesorabilmente a correre – complice la variante Delta – soprattutto tra bambini e adolescenti.”

La scelta preoccupante del governo

Il governo Draghi ha scelto di non confermare le decisioni prese dal Conte 2. Questa decisione supportata dal Cts lascia scoperta la fascia riguardante soprattutto la primaria e il primo anno della secondaria di primo grado. Ritengo azzardato aver ridotto il criterio del distanziamento a raccomandabile, confermato il ritorno delle classi pollaio, ridotte lo scorso anno con l’assunzione di 70.000 unità di personale aggiuntivo (1800 milioni).
Considerati i contagi che stanno aumentando tra i giovani allievi all’estero. era più saggio essere  prudenti. Sconcerta che il governo Draghi, rappresentato dal Ministro Bianchi,  non abbia pensato a un piano emergenziale valido e  alternativo alla Dad.
Se la situazione nella scuola primaria dovesse peggiorare o precipitare, sarà difficile riconfigurare l’organizzazione in corso d’opera. I fatti ci daranno la risposta tra due-tre settimane.