Posted in: Culpa in vigilando, Tutti gli articoli

“Culpa in vigilando”. L’importanza della presenza attiva

La “Culpa in vigilando” ha il suo fondamento nell’art. 2048 del Codice Civile.
Si legge  nel secondo comma:” I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti (2) nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza.”
Il passaggio individua  i responsabili e il limite temporale. Spesso però, i pochi che conoscono questo riferimento normativo ( mi riferisco all’art. e non al generico “Sono responsabile…”), non conoscono il comma successivo che richiama la condizione liberatoria: “le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto
Da qui discende il principio che non è sufficiente la presenza fisica per non essere citati per inadempienza degli obblighi sulla vigilanza. In altri termini, non è sufficiente provare che al momento dell’incidente occorso al minore si era presenti. E’ necessario provare con atti formali o più semplicemente con azioni ad alto tasso di visibilità che si è impedito il fatto. Alcuni esempi: zaini spostati in parti dell’aula non soggette al transito degli alunni; divieto esplicito di dondolarsi sulla sedia, di correre negli spazi ristretti dell’aula…
Ribadisco il criterio stringente che i giudici – sul loro tavolino non ci sono trattati di pedagogia, che “parlano” di autonomia – hanno come riferimento e dal quale discendono le loro sentenze: il grado di prevedibilità dell’evento ! Ovviamente  questo ricade nell’interpretazione del giudice, in base alla documentazione e alle dichiarazioni dei testimoni. Solo il basso tasso di prevedibilità dell’evento , può essere configurato come “repentino” e quindi rientrare nella condizione di “non aver potuto impedire il fatto