Posted in: Culpa in vigilando, Tutti gli articoli

“Culpa in vigilando”: quando l’inevitabilità non è sufficiente a…

sentenze
A marzo è stata pubblicata una sentenza, nella quale si relativizza il criterio di inevitabilità. Questo, costitutiva l’elemento di discolpa dell’insegnante in quanto impossibilitato ad evitare l’evento. Ora anche questo principio è messo in rapporto all’organizzazione degli spazi.
Quindi non è più sufficiente essere presenti, richiamare i bambini sul pericolo potenziale  e assistere a un evento imprevedibile, è necessario provare che si sono preventivamente messi in atto una serie di accorgimenti organizzativi che possono ridurre il grado di imprevedibilità.
Il fatto presenta un incidente occorso a un ragazzo in cortile.
Da insegnante conosco già le diverse obiezioni. Purtroppo il giudice parte dal codice civile e precisamente dall’ art. 2048 che individua nel docente il responsabile degli incidenti occorsi a un minorenne.

Testo della sentenza

Commento