Posted in: Cyberbullismo, Recensioni, Tutti gli articoli

“Cyberbulli al tappeto”

L’età di coloro che entrano nel Web si sta abbassando in modo significativo. E questo grazie agli smartphone,  definiti da M. Spitzer ” coltellini svizzeri”. Questi dispositivi sono messi nelle mani – meglio nelle dita – di bambini di 10-11 anni.
Pertanto è necessario che essi conoscano le grandi opportunità presenti nel Web, ma anche i rischi insiti nella navigazione. Tra questi ultimi c’è il cyberbullismo.
Il lavoro scritto da Teo Benedetti D. Morosinotto e supportato ottimamente  dal fumettista Jean Claudio Vinci si rivolge ai più giovani con un linguaggio molto vicino al loro discorrere, caratterizzato spesso  da paragoni presi dalla vita quotidiana.
Pertanto dentro questo registro linguistico e con il supporto di immagini sono proposti il funzionamento di Internet. del router di un wifi… e come proteggere la propria identità social, attraverso le impostazioni di privacy.
Con la stessa leggerezza formale, ma non di sostanza sono affrontati i rischi e gli errori di un uso allegro della Rete che si concludono ( fortunatamente non sempre ) con il cyberbullismo, e le prevaricazioni declinate nel   flaming, l’harassment,  denigration, l’impersonation, l’outing, il trickery, l’exclusion, il cyberstalking…
E’ un testo assolutamente da acquistare dai genitori, dagli insegnanti ed educatori per gestire il cyberbullismo, un fenomeno che trova il suo terreno ideale nell’analfabetismo digitale dei nativi e immigrati digitali.
Ha un solo difetto: non esiste la versione digitale ( ebook ).