Cyberbullismo, “le parole fanno più male delle botte” (Carolina Picchio)

Cyberbullismo

“Le parole possono uccidere più delle botte” (Carolina Picchio)

Cyberbullismo, “le parole fanno più male delle botte”. Quali sono questi potenziali “killer verbali”? Nel Web è presente una risorsa molto interessante per genitori, educatori e ragazzi. La loro conoscenza preventiva può ricoprire un’importante funzione di “riconoscimento” del cyberbullo e di prevenzione.

Cyberbullismo, le parole che possono uccidere

La carta d’identità di una persona passa attraverso il suo modo di comunicare verbalmente e per iscritto. A questa regola, ovviamente non sfugge il cyberbullo
Nella mia navigazione nel Web ho trovato questa importante risorsa, Presenta il profilo lessicale del bullo online,  che può istigare nella vittima propositi di suicidio. Carolina Picchio, infatti, è uno dei tanti esempi. La  disgrazia ha portato la sua insegnante di musica (Elena Ferrara), divenuta senatrice (2013), a farsi promotrice della proposta di legge per il contrasto al cyberbullismo (Legge 71/17)

Il vocabolario nato da un progetto

Il  suddetto vocabolario del cyberbullo  “rientra nel progetto #Bullyctionary promosso da  Generali Italia con la collaborazione  di Informatici Senza Frontiere.
Il progetto si rivolge principalmente ai ragazzi nella fascia d’età più a #rischio, quella tra i 10 e i 14 anni, e ai loro #genitori che non sempre sono adeguatamente informati rispetto al fenomeno. Bullyctionary si sviluppa sia online, con un sito dedicato che raccoglie le parole e le storie di bullismo, sia offline. Infatti, il progetto verrà diffuso sul territorio attraverso incontri sul cyberbullismo in tutta Italia rivolti alle famiglie. Tutti possono contribuire al progetto candidando una o più parole sul sito, cliccando sul Menu in alto a destra ed entrando nella sezione “Scrivi la tua parola”, e partecipando agli incontri sul territorio (pagina Fb “Cyberbullismo”)

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Tutti gli articoli. Contrassegna il permalink.