Cyberbullismo e bullismo fisico due interessanti novità

Cuberbullismo e bullismo

Cyberbullismo e bullismo fisico, fenomeni sempre presenti. Una possibile novità legislativa e un’ iniziativa

Cyberbullismo e bullismo fisico, i fenomeni sono  sempre presenti , anche se non catturano adeguatamente  l’attenzione degli adulti. Due interessanti proposte.

Cyberbullismo e bullismo, fenomeni sempre presenti

Cyberbullismo e bullismo fisico, i fenomeni sono sempre presenti. Difficile definirne i confini (Il caso di C. Picchio ne è un esempio). Purtroppo non sono peercepiti come  delle emergenze nazionali
Mi spiego. Il generale fenomeno del bullismo rientra nel grande problema dell’educazione. Questa non gode di molta attenzione presso gli adulti e in genere la società.  L’attenzione al lavoro e all’economia contribuiscono al declassamento del bullismo.
I massmedia  parlano di bullismo, quando la cronaca presenta una  estrema vicenda  o quasi, risvegliando le coscienze. Dopo 24 h (massimo) subentrano altri temi e quindi l’emergenza educativa entra nel frullatore mediatico che in brevissimo tempo  tutto crea e distrugge

Una nuova formazione per i docenti

Detto questo segnalo una possibile novità legislativa e un’iniziativa.
La prima riguarda un emendamento alla proposta di legge sul bullismo (29 maggio 2019), reato non previsto  dalla L.71/17. finalizzato a introdurre una nuova formazione dei docenti e riguardante l’intelligenza emotiva. Grande soddisfazione è stata espressa dall’On. Luigi Gallo ( M5s) che ha dichiarato “Prevedere dei fondi – 200.000 euro l’anno dal 2020 al 2022 – per promuovere l’educazione emotiva, lo sviluppo di relazioni positive tra pari e della comunicazione non violenta  è un segnale importante della sensibilità della maggioranza e del governo rispetto alla necessità di creare i presupposti sociali e culturali non solo per prevenire e contrastare fenomeni di bullismo e cyberbullismo
Lodevole l’iniziativa che ha il merito di stemperare il profilo sanzionatorio e repressivo della proposta di legge sul bullismo (Deris Dori prima firma). Ne riparleremo in un prossimo intervento.
Chiedo, però una nuova formazione per i docenti, già oberati fino al collo? Si ripete il copione di imporre agli insegnanti periodicamente nuovi pacchetti formativi (coding, educazione civica…). E i genitori?

Patentino per l’uso dello smartphone

Chi lavora a stretto contatto con i ragazzi conosce quanta  superficialità  mista a ignoranza dimostrano i cosiddetti nativi digitali, quando usano lo smartphone.
Per ovviare a questo problema si è pensato in alcune scuole, soprattutto della provincia di Torino, di proporre un corso all’uso critico e intelligente dello smartphone. La proposta è supportata dalle aziende sanitarie, dal Miur  e dalle forze dell’ordine. L’iniziativa ha avuto il sostegno anche da E. Ferrara, promotrice della Legge 71/17.
Agli studenti, al termine del percorso formativo, viene consegnata una“patente per smartphone.
Lodevole iniziativa ma da istituzionalizzare in un protocollo tra il Miur ed enti (Aica e Eipass), che deve prevedere un nuovo modulo formativo con validità europea. Solo il possesso di questo patentino autorizza il ragazzo ad acquistare a proprio nome  il dispositivo.
Sono consapevole della reazione dell’aziende che producono gli smartphone che accuseranno il sistema formativo di condizionare il mercato. A questo occorre aggiungere anche la possibile e diffusa (?) strategia elusiva dei genitori che li indurrebbe a far usare il proprio dispositivo al ragazzo. L’eventuale infrazione, ovviamente deve comportare una multa non simbolica.
Queste decisioni versus il mercato e una gestione familiare scriteriata rappresenterebbero una difesa educativa del ragazzo, a fronte di un contesto che invece guarda altrove. Non certamente considerando i  bisogni educativi dei nativi digitali.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Bullismo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.