Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Cyberbullismo e telefonini a scuola

Ripeto frequentemente che il fenomeno del cyberbullismo è allarmante. Finora è riuscito ad “ingrottarsi” efficacemente. La sua rilevanza mediatica, infatti,  è ancora inadeguata rispetto al fenomeno. Preoccupante l’assenza delle famiglie e della scuola!
Il fenomeno può nascere o ampliarsi nelle scuole, attraverso video o foto sul malcapitato di turno, utilizzando lo smarthphone. E una volta messi nel Web e condivisi, questi diventano “per sempre”.
Gli insegnanti non possono ignorare questo risvolto, oltre a quelli più “morbidi” riguardanti l’alto grado di distrazione che i post-moderni “coltellini svizzeri” ( M. Spitzer così ha definito gli smartphone )  hanno sugli studenti  durante una lezione. In caso di documentazione risalente ai momenti della presenza a scuola, i docenti possono essere denunciati per inadempienza ai doveri di vigilanza. In altri termini, gli insegnanti possono essere citati in giudizio per “culpa in vigilando” ( art. 2048 Codice Civile ) e a discendere per non aver rispettato la direttiva 104 del 30 novembre 2007 riguardante il divieto dei telefonini a scuola. In questa si legge ( il grassetto è mio ): ” La violazione di tale dovere comporta, quindi, l’irrogazione delle sanzioni disciplinari appositamente individuate da ciascuna istituzione scolastica, nell’ambito della sua autonomia, in sede di regolamentazione di istituto. È dunque necessario che nei regolamenti di istituto siano previste adeguate sanzioni secondo il criterio di proporzionalità, ivi compresa quella del ritiro temporaneo del telefono cellulare durante le ore di lezione, in caso di uso scorretto dello stesso”
Si badi il sequestro non è imposto dalla direttiva, ma demandato alle singole scuole.
Detto questo rimane il problema culturale della “morte dell’uomo” attraverso l’annullamento della persona in un contesto di analfabetismo informatico che coinvolge anche i cyberbulli, come da me illustrato nell’articolo “Cyberbullismo. L’identità violata…