Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Cyberbullismo. Aprile/Maggio: i mesi dello smartphone!


Tra aprile e maggio la vendita degli smartphone aumenta. Il motivo: le prime Comunioni!
Il dispositivo, evoluzione del cellulare, è l’oggetto del desiderio dei bambini! E i genitori, la maggior parte di loro sostiene questo desiderio, indirizzando spesso il parente all’acquisto.
E poi? Da quel momento il bambino vive un momento di iniziazione o di maggiore presenza nel Web e dintorni.
Tra media sociali e servizi di messaggistica istantanea (IM ) e altro inizia o si accentua la sua separazione dalla vita reale, creandosi falsi o reali profili. Il tutto in perfetta solitudine, grazie all’assenza dei genitori, i quali consegnano questo “coltellino svizzero” ( smartphone ) agli ignari figli che  gradualmente si formano al suo uso, ascoltando i consigli e i suggerimenti degli “esperti quasi coetanei”.
In mano ai bambini lo smartphone diventa un  oggetto pericoloso perché li espone alla lettura, alla visione di tanti spettatori, spesso silenziosi. Non si è mai soli nel Web! la nostra presenza può avere una significativa platea!  La probabilità che   ci siano cyberbulli o adescatori sessuali online ( fenomeno del grooming ) è molto alta. E’ necessario ricordare che tra questi spettatori potrebbero esserci molti abitanti del “dark Web”, costituito da ambienti virtuali pedopornografici, o che incitano alla violenza fisica, al razzismo…
E’ necessario che i genitori riprendano le redini dell’educazione, intesa come indirizzo, guida alla navigazione sicura nel Web. Per conseguire questo, dopo aver consegnato loro il dispositivo, è indispensabile che si mettano accanto ai propri figli, fornendo loro le mappe e la bussola del virtuale. Ovviamente nulla si improvvisa! La presenza del genitore, deve essere sostenuta da un bagaglio di conoscenze informatiche e procedurali adeguate alla navigazione sicura.
Del resto chi farebbe guidare ad una persona senza patente una macchina?