Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Cyberbullismo. “Patentino” per l’uso dello smartphone


Ottima l’iniziativa dell’ Osservatorio Permanente Adolescenti Studenti, sostenuta da un gruppo di docenti e patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Verona  di vincolare l’uso degli smartphone al conseguimento di una sorta di “patentino”.
Il valore aggiunto è quello di fornire strumenti, conoscenze  per un  uso consapevole  di questo dispositivo. Recentemente M. Spitzer ha definito lo smartphone “un coltellino svizzero”. L’affermazione ha un suo fondamento se si pensa  alle tantissime opportunità  offerte dallo smartphone.
Il punto critico di questa iniziativa è costituito dai genitori. Mi auguro che essi sostengano l’iniziativa con la sottoscrizione di un “patto di responsabilità educativa” che li impegni a non regalare il post-moderno “coltellino svizzero” se non dopo il conseguimento della certificazione.
Se questo si concretizzerà sarà un bell’esempio  di sinergia educativa tra la scuola, la famiglia e la società civile. Il cyberbullismo nelle  sue diverse declinazioni ( = comportamenti ) come l’outing, il flaming, il trickery… può essere arginato e depotenziato solo con la “complicità formativa” soggetti e agenzie  prossime ai ragazzi.
Le alternative sono la solitudine ( = certa ) e lo smarrimento ( non dichiarato)  avvertiti dai ragazzi di fronte allo strumento, consegnato loro  senza filtri o protezioni.