Cyberbullismo, un esempio di immortalità dei contenuti nel Web e…

Cyberbullismo

Cyberbullimo, nuovo caso che conferma il “quadretto”

Cyberbullismo, una vicenda che conferma l’immortalità dei contenuti che si postano nel Web. E non solo, dice molto dei nativi digitali.

Cyberbullismo, la vicenda di una ragazzina di 12 anni

Cyberbullismo, una nuova e squallida vicenda. Una preadolescente di Napoli si apparta con il suo fidanzatino e alcuni suoi amici riprendono la scena con lo smartphone. I tre ragazzi, compreso il fidanzatino poi postano e condividono  nel Web il filmato.  Poi però…
Si legge :”Mi accorgo che uno degli amici che era con noi quel.P pomeriggio ci stava filmando con il telefonino cellulare, mentre ero in disparte con il mio fidanzato. Me ne sono accorta, mi sono arrabbiata, ho chiesto di cancellare tutto. Fatto sta che lo ha fatto davanti a me, rimuovendo il video anche dal remoto, dal cestino, e pensavo che fosse finita lì. Mi sono arrabbiata, ho mandato a quel paese quelli che ritenevo essere i miei amici e sono andata a casa”.
Ma non finisce qui: “Ha riferito la 12enne visibilmente turbata. Il peggio però non era alle spalle. All’indomani ha, infatti, scoperto che prima di essere cancellato, il video era stato girato ad altri amici della scuola media che ne avevano visto e rivisto il contenuto.”

Brevi  e scontate considerazioni

Il Web non dimentica! Meglio i contenuti postati restano per sempre, anche se cancellati dal profilo  dallo spazio cloud e dal dispositivo dei cyberbulli. E questo avviene grazie al meccanismo della condivisione che disperde in tanti rivoli (altri profili, pagine social…) il contenuto postato. Risultato: si perde il controllo del materiale postato.
Molti ragazzi riprendono e filmano anche quando non dovrebbero farlo, pensando di restare impuniti. Non è così! Il fidanzatino sedicenne e i suoi due amici  saranno probabilmente chiamati a rispondere davanti ai giudici (art.97 c.p).
La vicenda conferma la scarsa conoscenza digitale dei ragazzi,  definiti nativi digitali, ma lontani da quella saggezza digitale, condizione quest’ultima ipotizzata da M. Prensky.
Sembra dal resoconto che la vicenda si sia svolta a scuola. Quindi sarà da chiarire anche la posizione dei docenti responsabili della vigilanza (art. 2048 c.c.) e dei collaboratori scolastici.