Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Cyberbullismo. Un’applicazione a scuola!


Uno degli “start” al cyberbullismo è rappresentato dalle foto o video. In alcuni casi questi sono un prodotto che nasce all’interno degli edifici scolastici. Il divieto degli smartphone  ha tra i diversi motivi quello di impedire la realizzazione di materiale visivo e multimediale diffuso poi nella Rete.
Nelle scuole americane si sta diffondendo l’uso di un applicazione ( Pocket Points ) che offre dei crediti a tutti gli studenti che decidono di bloccare il telefono a scuola. Questi punti poi diventano una sorta di moneta da spendere in imprese locali o online. Si parla di sconti significativi. Hanno dichiarato i due universitari, creatori dell’applicazione: ”  Che cosa potrebbe incentivare gli studenti a lasciare fuori i loro telefoni se non del cibo gratis? Grazie alla collaborazione con le imprese locali, disposte a offrire sconti attraverso l’applicazione, è nato Pocket Points”
Concludendo, interessante la notizia che rappresenta un ottimo esempio di alleanza tra la scuola e le imprese contro il cyberbullismo.
Ci si augura che l’applicazione trovi anche in Europa e quindi in Italia la stessa risposta.