Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

D. Maraini. Manca la visione, nonostante…


Nella sua rubrica su ” Il Corriere della Sera”D. Maraini, ha parlato di scuola ( 6 giugno 2017)
Partendo dalle scorciatoie per il successo nel lavoro, scrive: 
“Ma che ci sta a fare la scuola in questa propagazione di falsi miti? La mia impressione è che la Istituzione scuola si stia disgregando: incapace ormai di formare il bravo cittadino, impaurita dalle novità, si chiude in se stessa. Per fortuna esiste una fitta rete di insegnanti responsabili e generosi che credono nel carattere missionario del loro lavoro, dedicano le proprie energie a insegnare la consapevolezza e la responsabilità, qualità carenti nel nostro Paese.”
Sintesi efficace del malessere della scuola e dell’immane lavoro degli insegnanti.
Alcune considerazioni. La scuola risente del “pensiero debole”, del “frammento”. Il denominatore comune è la mancanza di  prospettiva. Un esempio: Nel PNSD è difficile individuare un profilo che dia senso e unitarietà alle tanti “monadi senza finestre” ( le trentacinque azioni). Ora se la scuola è priva di prospettiva è destinata a scomparire.  Almeno nella forma che noi conosciamo   e che ha giustificato storicamente la sua comparsa  nella grande avventura umana.
La scuola  è sempre vissuta   di pedagogia,  formazione che vanno “oltre la siepe” del momento attuale, versus ” la dilatazione del presente” che dimentica il passato e fagocita il futuro.
In questa profonda crisi, propedeutica al suo superamento, la scuola riesce ancora a produrre qualità. E questo è solo merito degli insegnanti! Missionari, perché lavorano quasi o totalmente gratis. Gli esempi sono tanti: gli Animatori Digitali, il Team per l’innovazione, il referente per il cyberbullismo, i commissari per il concorso scuola… Non condivido la decisione dei colleghi che assumono questi incarichi, perché in questo modo inviano tante conferme all’Amministrazione a proseguire in questo modo.  Li rispetto, però, consapevole del “grande cuore” che hanno tanti miei colleghi.
Se la scuola ancora è apprezzata è merito solo degli insegnanti che aspettano da sette anni un contratto dignitoso e rispettoso, sideralmente lontano da quello che stanno firmando i sindacati. Con quale autorità, meglio autorevolezza firmeranno il nuovo patto, dopo essere stati gabbati dal governo sul nuovo testo unico  che sostanzialmente ha riconfermato la prevalenza della legge sul contratto, disattendendo un impegno preso il 30 novembre scorso?
Detto questo cosa rimane? la solitudine degli insegnanti, rispetto ad un contesto che invia solo segnali punitivi e di denigrazione del loro lavoro; rispetto  a un Amministrazione e parti sociali che stanno giocando sulla loro professionalità, spingendoli verso il Nulla, declinato nella demotivazione!