Dalle aule arrivano queste preoccupanti notizie!

Dalle aule

Dalle aule arrivano pessimi segnali

Dalle aule arrivano sempre più spesso messaggi senza passione, demotivanti e di scoraggiamento. Gli insegnanti assomigliano sempre più a dei “muri di gomma”. Spesso metabolizzano i nuovi e sempre maggiori carichi di lavoro, restituendoli semplicemente come una procedura, un dovere da adempiere. Punto.  Salvano la forma, impreziosita da espressioni di alta pedagogia, manca però l’anima. Per riprendere il titolo di una canzone di R. Cocciante e  mutuandolo i progetti e quanto ruota intorno sono “Belli, ma senz’anima”.  

Dalle aule  escono questi  messaggi! A chi interessa?

  • “Mi hanno dato una classe difficile” Quest’anno non faccio niente!
  • “Mi hanno assegnato alla sezione della succursale, che crea maggior disagio! Quest’anno non faccio niente!
  • “Ho una classe di 36 alunni, mentre la classe accanto ha 13 studenti! Quest’anno non faccio niente!
  • “Questo sarà il mio ultimo anno, ad agosto andrò in pensione”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Volevo andare in pensione e la legge Fornero ha prolungato il periodo di permanenza in servizio”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Le colleghe del modulo sono antipatiche di carattere. Hanno cambiato i collaboratori” Quest’anno non faccio niente e non m’interesso di niente.
  • “Gli altri anni ho svolto la funzione strumentale per i viaggi d’istruzione, la Dirigente non ha apprezzato il mio lavoro”. Quest’anno non faccio niente!
  • “Ho lavorato tanto lo scorso anno, ho fatto tanti progetti e tante ore in più, ma il Fondo d’Istituto e il Bonus sono stati assegnati agli “amici del Dirigente”. Quest’anno non faccio niente!
  • Aspettavo l’assegnazione provvisoria come lo scorso anno vicino casa. Non l’ho ottenuta: “Mi metto in aspettativa e non faccio niente”
    Questo lungo elenco è proposto in una lettera ” Quest’anno non faccio niente” pubblicata sul portale della Tecnicadellascuola. Reazioni? Il Ministro tace! Nei convegni e nei corsi di aggiornamento queste realtà sono emarginate, nascoste, polverizzate! Infine, i sindacati esprimono soddisfazione per la riapertura una stagione contrattuale che ha una prospettiva indecente, e poco dignitosa per i docenti.

Esiste la via d’uscita, manca però la prospettiva e la volontà politica

Eppure sono certo che queste situazioni arrivino ai piani alti del Miur. Allora perché non si interviene dando un segnale forte che “riattivi” la passione dell’insegnante? I motivi sono diversi! Come sempre, è difficile individuarli e coglierne le interdipendenze. Sicuramente un fattore fortemente condizionante è la scarsa attenzione verso l’istruzione, non più colta con il suo piano inclinato rivolto al futuro. Il nostro Paese ha ridotto la sua prospettiva, eliminando il futuro e dimenticando la sua tradizione. Ha assunto il presente come unica dimensione temporale. Per farmi capire: si vive alla giornata! Si vivacchia! In questo contesto culturale colonizzato dall’ onnipresente, quello che rimane alla scuola è la funzione assistenzialistica, che supporti e faciliti  i genitori nella loro azione di “arrivare alla sera”.
E la politica, quella italiana è fortemente condizionata da questo sfondo, privato delle grandi narrazioni storiche di sviluppo ( cristianesimo, marxismo…).
“Cui prodest?” Quanto ancora il sistema scolastico riuscirà a mantenere alti gli obiettivi formativi? Difficile fare delle previsioni. Solo il tempo certificherà ipotesi o prospettive. Sicuramente la perdita progressiva della passione di insegnare non è un buon segnale!

 

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.