Dark Web, la vendita dei profili

Il Dark Web

Il Dark Web, la piazza virtuale “nera”, dove si compra e si vende di tutto. Anche i profili “deboli”

Dark Web, ovvero il lato oscuro del Web. L’ultima notizia registra la vendita di profili rubati. Non si tratta di poche migliaia, ma   diverse centinaia milioni. Il modo migliore per ridurre i furti di identità è seguire alcune regole.

Dark Web, il mercato dei profili

Dark Web, lo spazio virtuale profondo, abbinabile al nero. L’accostamento cromatico indica un’ ampia zona dove avviene di tutto. Una delle attività  è la vendita di materiale pedopornografico  e di profili. E’ di questi giorni la notizia che più di mezzo miliardo di profili rubati sono stati messi in vendita nel Dark Web. ” Stando ai colleghi di The Register, autori della scoperta, le password sarebbero ancora cifrate e dunque “al sicuro”. I siti coinvolti sono in tutto sedici: Dubsmash (162 milioni), MyFitnessPal (151 milioni), MyHeritage (92 milioni), ShareThis (41 milioni), HauteLook (28 milioni), Animoto (25 milioni), EyeEm (22 milioni), 8fit (20 milioni), Whitepages (18 milioni), Fotolog (16 milioni), 500px(15 milioni), ArmorGames (11 milioni), BookMate (8 milioni), CoffeeMeetsBagel (6 milioni), Artsy (1 milioni) e DataCamp (700.000).”
Recentemente  Il fenomeno ha riguardato anche Facebook. Pare che 5o milioni di profili siano stati rubati e messi in vendita.

La compravendita di profili un’attività molto diffusa

Questo tipo di attività non si riduce a queste due situazioni. E’ molto diffusa nel Dark Web. Però, difficilmente quantificabile. Spesso avviene all’insaputa degli ignari e superficiali  utenti. Tra questi molti genitori, ragazzi e giovani che postano nei loro profili foto e altri dati personali propri o di amici..
Ovviamente l’attenzione degli hacker si concentra dove il materiale depositato è potenzialmente interessante. Intendo commercialmente e quindi rientra nel meccanismo della domanda e dell’offerta.
E’ di questi giorni la notizia che nove ragazzi su dieci navigano senza un adeguato e competente controllo degli adulti. E questo significa anche l’attivazione di password deboli, quali:
1) 111111
2) 123456
3) 12345
4) 1234567890
Ovviamente la lista è molto più lunga.

Le soluzioni per una navigazione più sicura nel Web

L’attività principale dell’hacker (un “ingegnere sociale”) che pratica il cracking cioè l’utilizzo dei dati rubati per propri fini, può essere contenuta (la certezza assoluta non fa parte di questo mondo) attivando password complesse (almeno 8 caratteri alfanumerici, intervallati da alcuni definiti “speciali”). L’operazione può essere facilitata da programmi che generano in modo casuale e incomprensibile password.  E’ consigliabile, comunque  non replicare la stessa password in tutti i profili.

 

Questa voce è stata pubblicata in Informatica, Tutti gli articoli. Contrassegna il permalink.