Diffamazione docente, Ministro osi di più!

 

Diffamazione docenti

Diffamazione docenti, la risposta del Ministro è insufficiente.

Diffamazione docente, il Ministro ha risposto.  Non è sufficiente! Deve fare altro per convincerci che sta dalla nostra parte.

Diffamazione docente, la richiesta e la risposta

E’ nota la vicenda di una donna che ha avuto un figlio, da un quattordicenne. Inizialmente i massmedia hanno presentato la donna come un insegnante. Poi invece è risultata un’infermiera. La mancata conferma ha provocato l’indignazione di molti insegnanti.
Il collega S. Amato ha sintetizzato il malumore nella seguente lettera:
“Al Ministro Bussetti
Ai Presidenti delle commissioni Istruzione di Camera e Senato,
on.li Pittoni e Gallo.
Chiediamo di prendere provvedimenti circa la grave vicenda di pedofilia che è stata volutamente strumentalizza e di conseguenza crea danno all’immagine della Scuola Pubblica Italiana e dei docenti.
Noi insegnanti riteniamo sia lesivo per la nostra immagine il fatto che una vicenda grave di per sé venga utilizzata dai giornali e dalla TV di Stato, con titoli ed immagini ad effetto, che collocano gli eventi in una scuola e che fanno sembrare siano una docente e un giovanissimo discente i personaggi coinvolti.
Prova ne è il fatto che, nel dettaglio degli articoli, si viene a conoscenza della vera identità della donna in questione e che si trattava di lezioni private. Tutto ciò dimostra la volontà chiara di gettare discredito su tutta l’istituzione scolastica attraverso la strumentalizzazione della vicenda.
Professione Insegnante”
La risposta del Ministro non è tardata. Sulla sua pagina Facebook si legge:
La donna protagonista del triste caso di cronaca che si è verificato a Prato non è una “prof”. È emerso con chiarezza, infatti, che si tratta di un’operatrice socio-sanitaria che dava ripetizioni di pomeriggio.”

Risposta non sufficiente

La risposta del Ministro era dovuta. Non è però sufficiente. Occorre un’azione più incisiva, dove il Ministro  chiede ai diversi organi di stampa che hanno diffuso la fake news  una rettifica formale con le scuse rivolte al corpo docente. L’azione certificherebbe una maggiore vicinanza del Ministro. E questo non può che far bene all’intero sistema-scuola.

Questa voce è stata pubblicata in Docenti, Tutti gli articoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.