Divieto degli smartphone, il Ministro scopre l’acqua calda

Smartphone a scuola

Divieto degli smartphone, il Ministro ha le idee poco chiare, tornando a scoprire l’acqua calda.

Divieto degli smartphone, il Ministro Bussetti rilascia una dichiarazione contraddittoria. Poi però, come nel Gioco del Monopoli torna al “Via” e più precisamente al 2007.

Divieto degli smartphone, le dichiarazioni del Ministro

Il divieto degli smartphone è un argomento che riesce per qualche giorno a “rianimare” il dibattito intorno alla scuola. L’altro argomento è dato dalla cronaca: le violenze degli insegnanti sui minori!
Ma torniamo alla questione degli smartphone. Ieri ho pubblicato una mia prima riflessione. Oggi proseguo, ripartendo dalle dichiarazioni del Ministro.
Con la legge andiamo avanti. Poi all’interno della stessa legge prevederemo un regolamento che permetta alle scuole di utilizzare gli strumenti per una didattica innovativa… eliminare i cellulari dalle classi va bene, ma non dimentichiamo che questi strumenti possono essere utili per la didattica, in particolare quella innovativa, nella quale si usano i device ” (26 gennaio 2018)
“Penso che i telefonini non debbano esserci a scuola ma se venissero utilizzati in una didattica innovativa, ben venga. Devono essere regolamentati anche con l’autonomia delle singole scuole e poi ho fiducia nei nostri studenti: di fronte a una proposta di questo tipo, sapranno accettarla” (26 gennaio 2018)
“Riguardo al cellulare, in classe deve essere spento, punto”. (28 gennaio 2018)

La linea poco chiara del Ministro 

Nelle dichiarazioni non è difficile cogliere un’incertezza di fondo del Ministro. Marco Bussetti “rimbalza” dalla possibilità di un uso intelligente in classe a quella dove chiude ogni spiraglio.
Sinceramente non riesco a cogliere la linea del Ministro. Ho l’impressione che le sue dichiarazioni siano molto condizionate da fattori esterni, non ultimo la presentazione delle due proposte di legge (Gelmini e Latini). Questo comportamento ondivago non è un bene per la funzione che ricopre.

Il Ministro torna al “Via” del Monopoli

L’ultima dichiarazione torna al “Via” del gioco del Monopoli. In altri termini, allineandosi alle due proposte di legge, conferma la Direttiva Fioroni (15 marzo 2007).
Si legge ” In via preliminare, è del tutto evidente che il divieto di utilizzo del cellulare durante le ore di lezione risponda ad una generale norma di correttezza che, peraltro, trova una sua codificazione formale nei doveri indicati nello Statuto delle studentesse e degli studenti, di cui al D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249.
In tali circostanze, líuso del cellulare e di altri dispositivi elettronici rappresenta un elemento di distrazione sia per chi lo usa che per i compagni, oltre che una grave mancanza di rispetto per il docente configurando, pertanto, un’infrazione disciplinare sanzionabile attraverso provvedimenti orientati non solo a prevenire e scoraggiare tali comportamenti ma anche, secondo una logica educativa propria dell’istituzione scolastica, a stimolare nello studente la consapevolezza del disvalore dei medesimi. ”
Qualcuno trova delle differenze? Cui prodest questo nuovo dibattito? Azzardo un’ipotesi: forse a distrarre dai reali problemi della scuola

Questa voce è stata pubblicata in Smartphone a scuola, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.